• Legge di Bilancio 2019: estesa la possibilità di lavoro fino al parto
    donne lavoro imprese

    La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto la maternità ”ultra-flessibile”, ovvero la possibilità per la lavoratrice di fruire di tutti e cinque i mesi del congedo obbligatorio nei cinque mesi successivi allo stesso, a condizione che vi sia un doppio parere favorevole (uno da parte del medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e uno a cura del medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro) che attesti che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro. Viene dunque ulteriormente ampliata la già prevista flessibilità (art. 20 Testo Unico della Maternità) che consente l’astensione di un mese (anziché due) nel periodo "pre-parto" e di quattro mesi (anziché tre) nel "post-parto" (anche in questo caso occorre il doppio parere favorevole da parte dei medici).

    Quando bisogna comunicare il periodo di congedo?

    Mancano ancora le indicazioni di prassi da parte dell’INPS, ma si può ipotizzare che le tempistiche richieste per optare per la maternità “ultra-flessibile” potrebbero essere le stesse già previste per quella flessibile, per cui la lavoratrice è tenuta a comunicare la sua scelta all’inizio di quello che sarebbe stato il “normale” periodo di congedo (due mesi prima del parto), anche e soprattutto per attestare, attraverso i due pareri medici, l’assenza di controindicazioni circa la prosecuzione dell’attività lavorativa.

    Per quanto riguarda i padri lavoratori, invece, il comma 278 prevede l’incremento di un ulteriore giorno per il congedo obbligatorio (si passa quindi dai 4 giorni del 2018 ai 5 giorni dal 2019), mentre viene confermato in un giorno il congedo facoltativo da fruire previo accordo con la madre, con decurtazione del periodo di congedo obbligatorio riconosciuto a quest’ultima.

    Scopri le altre novità contenute nella Legge di Bilancio 2019, partecipa ai nostri eventi dedicati 

     


Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • CRITER: il catasto regionale degli impianti termici
      CRITER: il catasto regionale degli impianti termici
      Il percorso FORMart introduce il panorama normativo inerente il CRITER, per poi concentrarsi operativamente sulla corretta redazione di libretto e allegati d'impianto e sul loro inserimento sulla piattaforma web regionale.  Notizia Completa
    • Conduttore di impianti termici
      Conduttore di impianti termici
      Il percorso, organizzato da FORMart, in ottemperanza alla DGR 437/2012 è finalizzato al conseguimento del patentino di abilitazione alla conduzione degli impianti termici.  Notizia Completa
    • Ecobonus: un evento per la gestione degli interventi e la cessione del credito
      Ecobonus: un evento per la gestione degli interventi e la cessione del credito
      Scopri di più sulla partnership tra Lapam e Harley & Dikkinson che propongono un'aggregazione tra imprese della filiera per interventi di riqualificazione energetica sui condomini.   Notizia Completa