• Rifiuti: Albo gestori ambientali
    rifiuti ecologia pattume inquinamento monnezza schifo

    Rifiuti: Albo gestori ambientali. Delibere n. 3 e n. 4 2019 su RT e Circolare sui CER 20 del 15.07.2019

    Il Comitato Nazionale dell'Albo Gestori Ambientali ha pubblicato le Delibere n. 3 e n. 4 del 25 giugno 2019, con le quali ha apportato modifiche alle modalità di svolgimento delle verifiche per i responsabili tecnici.

    Più in dettaglio, la delibera n.3 provvede a modificare e integrare la Delibera n. 6 del 2017 prevedendo la possibilità, per il responsabile tecnico in possesso dell'idoneità (quindi che ha superato la verifica iniziale, che consiste nel superamento del modulo obbligatorio per tutte le categorie e un modulo specialistico) di sostenere la verifica per l'abilitazione a ulteriori moduli specialistici (per un massimo di 3 nella stessa sessione), senza dover ripetere il modulo generale e con una validità pari a 5 anni a decorrere dal superamento di tali nuovi moduli.

    Inoltre, in caso di esito negativo, non sarà più necessario dover attendere almeno sessanta giorni prima di procedere con un nuovo tentativo.

    La delibera precisa tuttavia che, in caso di mancato superamento, in fase di rinnovo, del modulo generale, obbligatorio per tutte le categorie, il responsabile tecnico perde il requisito dell'idoneità anche nel caso in cui siano ancora in corso di validità quinquennale uno o più moduli specialistici.

    La delibera n. 4 interviene invece abrogando le deliberazioni n. 7 e n.10 del 2017, dettando nuove disposizioni per quel che attiene:

    - sedi e date delle verifiche (art. 1);
    - domanda di iscrizione alle verifiche, modalità di invio e ammissibilità (art. 2);
    - commissione di esame (art. 3);
    - svolgimento delle verifiche e attribuzione punteggi (art. 4);
    - diario delle verifiche (art. 5);
    - candidati idonei (art. 6);

    dando la possibilità anche a chi ha conseguito l'idoneità iniziale prima dell'entrata in vigore della presente delibera di iscriversi alle verifiche per ulteriori moduli specialistici mancanti senza dover nuovamente sostenere il modulo obbligatorio.

    Infine, il Comitato Nazionale, facendo seguito alla Circolare n. 691 del 2013, ha ritenuto opportuno, di ampliare il novero delle attività per le quali si richiede l'iscrizione, in categoria 2bis, del CER 20.03.07 (rifiuti ingombranti).

    Infatti, secondo la Circolare n. 6 del 10 luglio 2019, sarà possibile iscrivere le imprese non solo per i rifiuti provenienti "da attività del cantiere edile connessa all'attività di costruzione e demolizione", ma anche per rifiuti ingombranti provenienti "da attività di vendita, produzione e montaggio di mobili da cucina, di arredamento in genere e complementi di arredo e simili".

     


Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • Lavoro: le novità del DL "Rilancio" in un seminario online
      Lavoro: le novità del DL "Rilancio" in un seminario online
      Dalla proroga degli ammortizzatori sociali, al blocco dei licenziamenti, dai bonus famiglia al lavoro agile. Le novità del maxi decreto illustrate dai nostri esperti in un webinar gratuito  Notizia Completa
    • Un seminario online sulle novità fiscali contenute nel DL "Rilancio"
      Un seminario online sulle novità fiscali contenute nel DL "Rilancio"
      Dai contributi a fondo perduto, ai crediti di imposta. Dalla proroga dei versamenti, al taglio dell'IRAP. Le misure per le imprese contenute nel maxi decreto, illustrate dai nostri esperti in un seminario online  Notizia Completa
    • Emergenza Coronavirus: lo speciale
      Emergenza Coronavirus: lo speciale
      Tutte le informazioni e gli aggiornamenti per cittadini e imprese.  Notizia Completa