• Coronavirus: aggiornamento su manifestazioni pubbliche, servizi e attività
    sede regione meilia romagna

    A seguito delle richieste di chiarimenti delle principali associzioni datoriali, tra cui la nostra, Regione Emilia-Romagna ha definito i contorni dell'ordinanza emanata domenica per contrastare e contenere la diffusione del Coronavirus, che rimarrà in vigore in tutte le sue parti – a smentita di false notizie circolate sui social network - fino a domenica 1 marzo.

    In particolare, nel testo che la Regione ha già inviato a tutte le Prefetture, voluto dal presidente Bonaccini, si forniscono precisazioni sul punto relativo a quali attività, iniziative e manifestazioni devono essere sospese, o quali al contrario possono continuare a svolgersi regolarmente.

    Le manifestazioni pubbliche sospese

    Sono da ritenere sospese tutte quelle manifestazioni e iniziative che, comportando l’afflusso di pubblico, esulano dall’ordinaria attività delle comunità locali; si fa riferimento ad eventi e manifestazioni di natura sportiva, culturale, sociale, economica e civica, laddove esulino dall’ordinario esercizio delle attività stesse. Vanno sospese

    - manifestazioni, fiere e sagre, attrazioni e lunapark, concerti, eventi sportivi che prevedano la presenza di pubblico (campionati, tornei e competizioni di ogni categoria e di ogni disciplina);

    - attività di spettacolo quali rappresentazioni teatrali, cinematografiche, musicali, ecc., ivi comprese le discoteche e le sale da ballo.

    Le attività che proseguono

    In via generale, non sono invece ricomprese in tali attività quelle che attengono all’ordinario svolgimento della pratica corsistica e amatoriale (corsi di varia natura e allenamenti sportivi). Si precisa che potranno dunque rimanere aperti:

    i luoghi di svolgimento dell’attività corsistica ordinaria di vario tipo (es. centri linguistici, centri musicali e scuola guida);

    - gli impianti sportivi (centri sportivi, palestre pubbliche e private, piscine pubbliche e private, campi da gioco, ecc.);

    - e in generale tutte le strutture quando le attività non prevedano aggregazione di pubblico (“porte chiuse”) o eccezionali concentrazioni di persone.

    Sono escluse dalla sospensione anche

    - tutte le attività economiche, agricole, produttive, commerciali, di servizio e ricettive, ivi compresi i pubblici esercizi e le mense, ad eccezione di quelle richiamate di pubblico spettacolo e degli eventi e manifestazioni promozionali (fiere, mercati straordinari, meeting e convegni, sfilate, ecc.) che pertanto saranno sospesi.

    - Le attività corsistiche aziendali, laddove non comportino significative concentrazioni di persone.

    - Le attività svolte da guide e accompagnatori turistici.

    In via generale, non sono sospesi gli ordinari mercati settimanali.

    Attività di preminente carattere sociale: quelle non sospese

    Una particolare attenzione va prestata alle attività di preminente carattere sociale. Non possono essere pertanto ricomprese nella sospensione in via generale, attività di sostegno e supporto alle persone anziane e diversamente abili (es: servizi semi residenziali e Centri diurni).

    Non si intendono sospese le celebrazioni di matrimoni ed esequie civili e religiose, anche in linea con le disposizioni adottate dalle diocesi della regione.

    Non possono essere inclusi nella sospensione, in via generale, neppure i Centri di aggregazione sociale (circoli ricreativi, centri sociali, centri giovani, centri anziani, orti urbani, ecc.) per la parte di ordinaria attività.

    Corsi professionali e servizi per il lavoro

    L’Ordinanza (alla lettera B dell’art.1 comma 2) prevede tra l’altro la chiusura dei corsi professionali. Risulta in tal senso sospesa l’erogazione delle attività di formazione rivolte ad un gruppo classe, mentre i servizi per il lavoro erogati in forma individuale (quali colloqui di orientamento) potranno svolgersi regolarmente.

    Dalle Autorità territoriali possibili ulteriori prescrizioni

    Resta facoltà delle autorità territorialmente competenti disporre ulteriori e specifiche prescrizioni, laddove necessarie in ragione di particolari esigenze delle comunità locali.

    Per maggiori informazioni consulta il sito della Regione, clicca QUI


Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • Fase 2: i vademecum Licom per le imprese
      Fase 2: i vademecum Licom per le imprese
      Licom Lapam ha realizzato dei vademecum riassuntivi per negozi, ambulanti, attività di somministrazione e alberghi relativamente alla Fase 2 e redatti sulla base dei protocolli approvati dalla Regione Emilia Romagna   Notizia Completa
    • Bonus pubblicità 2020: le nuove regole
      Bonus pubblicità 2020: le nuove regole
      Il Decreto Legge 18, il cosiddetto Cura Italia, ha apportato delle modifiche al Bonus pubblicità per l'anno 2020, la richiesta del credito di imposta, potrà essere presentata dal 1° al 30 settembre  Notizia Completa
    • Le linee guida per la riapertura di alberghi, campeggi, residence, villaggi turistici
      Le linee guida per la riapertura di alberghi, campeggi, residence, villaggi turistici
      Così come disposte da Regione Emilia Romagna dopo il confronto con le associazioni di categoria  Notizia Completa