• Indennità 600 euro, chi può farne richiesta
    inps versamenti contributi

    Il Decreto Legge n°18, cosiddetto "Cura Italia" (leggi qui) agli articoli 27 e 28, ha previsto un'indennità per lavoratori autonomi, liberi professionisti e collaboratori coordinati e continuativi pari a 600 euro. Ecco chi può farne richiesta: 

    Indennità per liberi professionisti e collaboratori coordinati continuativi (co.co.co) 

    All'art.27 il Decreto "Cura Italia" prevede che a questa indennità possono accedere:

    - i liberi professionisti con partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020, compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo di cui all’articolo 53, comma 1, del T.U.I.R., iscritti alla Gestione separata dell’INPS. In questa categoria dovrebbero rientrare i professionisti che hanno iniziato l'attività nel 2019 ma non hanno ancora effettuato versamenti alla gestione separata;
    - i collaboratori coordinati e continuativi con rapporto attivo alla predetta data del 23 febbraio 2020 e iscritti alla Gestione separata dell’INPS. In questa categoria dovrebbero rientrare gli amministratori delle società iscritti alla gestione separata.

    I requisiti per accedere all'indennità 

    Per accedere all’indennità, le predette categorie di lavoratori non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non devono avere altre forme di previdenza obbligatoria.
    I liberi professionisti che hanno una cassa di previdenza specifica non rientrano in questa categoria, per cui è prevista un’altra misura dall’art. 44 del medesimo Decreto "Cura Italia". 

    Indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria

    All'art.28 il Decreto "Cura Italia" prevede che l'indennità possa essere corrisposta anche ai lavoratori iscritti alle seguenti gestioni:  

    - Artigiani;
    - Commercianti;
    - Coltivatori diretti, coloni e mezzadri.

    In questa categoria dovrebbero rientrare anche i collaboratori di impresa familiare ed i coadiuvanti.

    I requisiti per l'accesso all'indennità di queste categorie

    Per accedere all’indennità le predette categorie di lavoratori non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non devono avere altre forme di previdenza obbligatoria ad esclusione della Gestione separata INPS.

    Per maggiori informazioni 

    Per maggiori informazioni e chiarimenti, si invita a contattare le nostre sedi di riferimento, tramite mail o telefono. 
    Qui l'elenco completo con tutti i riferimenti delle nostre sedi 


Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • Emergenza Coronavirus: lo speciale
      Emergenza Coronavirus: lo speciale
      Tutte le informazioni e gli aggiornamenti per cittadini e imprese.  Notizia Completa
    • Moda Makers "Digital", nasce la versione online della manifestazione
      Moda Makers "Digital", nasce la versione online della manifestazione
      L'annuncio di Carpi Fashion System, il progetto di sostegno alle aziende del distretto carpigiano che organizza l'evento   Notizia Completa
    • Luppi: "Bene riduzione bollette per le pmi, ma serve una revisione generale"
      Luppi: "Bene riduzione bollette per le pmi, ma serve una revisione generale"
      La proposta della nostra associazione, agevolare le aziende energivore se rendono più efficienti i processi produttivi  Notizia Completa