• Acconciatori: consentita la consegna a domicilio di prodotti utilizzati nella propria attività
    sfumature colore parrucchiere benessere

    Regione Emilia Romagna, fatte salve le limitazioni all’esercizio delle attività considerate non essenziali (leggi qui), ha fornito alcune precisazioni in merito alle imprese di acconciatura: Le imprese esercenti attività di acconciatore, la cui attività è sospesa, possono comunque fornire a domicilio ai loro clienti i prodotti inerenti ai trattamenti che normalmente vendono in negozio, stante la chiusura dell’attività.

    È consentito alle imprese esercenti attività di acconciatore la consegna a domicilio su ordinazione dei prodotti afferenti i trattamenti che di norma vendono alla clientela, fermo restando che al momento della consegna devono essere evitati contatti personali a distanza inferiore ad un metro.

    Sottolineiamo che permane il divieto di eseguire i trattamenti presso il domicilio della clientela, essendo esplicitamente indicato che all’atto della consegna dell’ordinativo va rispettata la distanza di sicurezza di almeno un metro.

    Per maggiori informazioni

    Elena Baraldi
    Referente categoria Benessere Lapam
    ​elena.baraldi@lapam.eu


Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • Cosa stabilisce l'Ordinanza della Regione Emilia Romagna del 17 maggio
      Cosa stabilisce l'Ordinanza della Regione Emilia Romagna del 17 maggio
      Che tra le altre cose fissa le aperture, in accordo con quanto stabilito negli ultimi provvedimenti governativi, di quasi tutte le attività economiche  Notizia Completa
    • Le linee guida per la riapertura di acconciatura, estetica, tatuatori
      Le linee guida per la riapertura di acconciatura, estetica, tatuatori
      Le indicazioni disposte da Regione Emilia Romagna dopo il confronto con le associazioni di categoria.  Notizia Completa
    • Coronavirus: da lunedì 18 maggio in Emilia-Romagna nuove riaperture
      Coronavirus: da lunedì 18 maggio in Emilia-Romagna nuove riaperture
      Mancano ancora i protocolli ufficiali condivisi per negozi, mercati, bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti, tatuatori.   Notizia Completa