• Il paradosso del pasticcere
    pasticceria alimentazione consumatori settore alimentare

    Il paradosso del pasticcere: le pasticcerie artigiane possono consegnare a domicilio i dolci, ma non possono prestare il servizio da asporto, come avviene per tante altre attività paragonabili. Un vero e proprio paradosso che la nostra associazione ha fatto presente con una lettera al Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli:

    “Si stanno verificando palesi discriminazioni operate dai codici Ateco – sottolinea Daniele Casolari, responsabile sindacale Lapam -, consentendo ad alcune aziende di proseguire l’attività anche con possibilità di asporto dei prodotti, pur con le necessarie misure di prevenzione, e vietando ad altre, simili, la possibilità di vendere direttamente i propri prodotti in quanto obbligate alla chiusura anche nel caso in cui le stesse effettuino la vendita nella sola modalità da asporto dei prodotti. È il caso, ad esempio, delle imprese artigiane di produzione di pasticceria che non potrebbero vendere la loro produzione dolciaria quali colombe, uova di cioccolata e altre prelibatezze artigianali con la modalità da asporto ma solo con la consegna a domicilio (con ulteriori oneri annessi). È invece consentita ai negozi al dettaglio la vendita di prodotti analoghi, in prevalenza industriali, rispettando le misure di prevenzione individuate dal Governo”.

    Un vero paradosso, in pratica negozi e grande distribuzione possono vendere prodotti di pasticceria artigianale, tranne… chi conduce una pasticceria artigianale.

    Casolari conclude: “La situazione di estrema difficoltà economica che si va ad aggiungere all’emergenza sanitaria ancora in corso, pone le micro e piccole imprese in una situazione ancora più critica in assenza di certezze di interpretazioni normative e di discriminazioni. Chiediamo un intervento tempestivo al fine di porre, pur con le dovute e necessarie precauzioni, le nostre imprese nella condizione di continuare a operare laddove imprese con codici Ateco diversi ma produzioni simili proseguono nell’attività, naturalmente nel pieno rispetto delle norme sanitarie”.


Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • Le linee guida per la riapertura di ristoranti, bar, pizzerie e pubblici esercizi
      Le linee guida per la riapertura di ristoranti, bar, pizzerie e pubblici esercizi
      Così come disposte da Regione Emilia Romagna dopo il confronto con le associazioni di categoria  Notizia Completa
    • Permettere temporaneamente l'ingresso delle auto in centro storico per l'asporto nei ristoranti
      Permettere temporaneamente l'ingresso delle auto in centro storico per l'asporto nei ristoranti
      La proposta della nostra associazione per il centro storico di Modena   Notizia Completa
    • Licom: “Consentire l'asporto dei cibi. Prendendo esempio dall'ordinanza della Regione Toscana”
      Licom: “Consentire l'asporto dei cibi. Prendendo esempio dall'ordinanza della Regione Toscana”
      L'appello Licom per permettere l'attività di asporto alle attività commerciali  Notizia Completa