• Bando per il rimborso delle spese di acquisto di dispositivi di sicurezza individuali (DPI)
    mascherine protettive

    Impresa SIcura è l’intervento previsto dal decreto Cura Italia (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio nazionale.

    Il bando (in allegato ndr.) di Invitalia consente alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale (DPI) finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19. In allegato, oltre al bando, è possibile scaricare la "Guida alla fase di prenotazione del rimborso"

    Leggi anche Mascherine e dispositivi di protezione, dove trovarli

    Il rimborso è concesso fino al 100% delle spese ammissibili e fino ad esaurimento della dotazione finanziaria disponibile.

    - Importo massimo rimborsabile: 500 euro per ciascun addetto dell’impresa - a cui sono destinati i DPI - e fino a un massimo di 150mila euro per impresa.
    - Importo minimo rimborsabile: non inferiore a 500 euro.

    Le risorse disponibili sono 50 milioni di euro.

    Chi può partecipare

    Impresa SIcura si rivolge a tutte le imprese, indipendentemente dalla dimensione, dalla forma giuridica e dal settore economico in cui operano che, alla data di presentazione della domanda di rimborso, siano:

    - regolarmente costituite e iscritte come “attive” nel Registro delle imprese;
    - con sede principale o secondaria sul territorio nazionale;
    - nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non in liquidazione volontaria e non sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.

    Cosa finanzia

    È possibile richiedere il rimborso delle spese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale, sostenute tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda di rimborso.
    Impresa Sicura rimborsa l’acquisto di:

    - mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
    - guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
    - dispositivi per protezione oculare;
    - indumenti di protezione quali tute e/o camici;
    - calzari e/o sovrascarpe;
    - cuffie e/o copricapi;
    - dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
    - detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici. 

    "Fase 1" Prenotazione del rimborso

    Prenotazione del rimborso attraverso lo sportello informatico, raggiungibile nella pagina dedicata all’intervento “Impresa SIcura" del sito web dell’Agenzia, è possibile prenotare il rimborso dalle ore 9.00 alle ore 18.00 dal lunedì al venerdì, a partire dal giorno 11 maggio 2020 ed entro il giorno 18 maggio 2020.

    Le informazioni necessarie per poter procedere a finalizzare la prenotazione del rimborso sono le seguenti:  

    - codice fiscale dell’impresa proponente;
    - codice fiscale del legale rappresentante, ovvero del titolare dell’impresa proponente o della persona giuridica in caso di impresa proponente amministrata da soggetti diversi dalle persone fisiche;
    - importo da rimborsare.

    Le istruzioni operative per la presentazione della prenotazione sono pubblicate nella pagina dedicata all’intervento “Impresa SIcura" almeno cinque giorni prima della data di apertura dello sportello informatico.
    Lo sportello informatico assegnerà alle prenotazioni pervenute l’orario di arrivo registrato dai sistemi informatici predisposti dall’Agenzia. Al termine della procedura di prenotazione, l’impresa visualizzerà un messaggio che attesta il predetto orario di arrivo della prenotazione, nonché il relativo codice identificativo.

    La prenotazione risulta regolarmente inoltrata solo qualora il codice fiscale dell’impresa e il codice fiscale del legale rappresentante/titolare della medesima siano correttamente indicati nell’ambito della procedura. Nel caso in cui i predetti dati non siano formalmente corretti o nel caso in cui differiscano dalle informazioni desumibili dal Registro imprese, la prenotazione del rimborso risulta irricevibile e la stessa si considera decaduta.

    "Fase 2" Pubblicazione dell’elenco delle prenotazioni 

    Invitalia pubblicherà l’elenco di tutte le imprese che hanno inoltrato le richieste, in ordine cronologico, nel quale saranno comunicate le prenotazioni ammesse a presentare domanda di rimborso e le prenotazioni risultate non ammissibili.

    "Fase 3" compilazione e istruttoria della domanda di rimborso

    Le imprese devono compilare la domanda di rimborso attraverso la procedura informatica raggiungibile nella pagina dedicata all’intervento “Impresa SIcura" coronavirus.
    Le imprese sono tenute a presentare, pena la decadenza della prenotazione, la domanda di rimborso a partire dalle ore 10.00 del giorno 26 maggio 2020 ed entro le ore 17.00 del giorno 11 giugno 2020. Alla domanda deve essere allegata la documentazione di spesa, consistente nelle fatture relative agli acquisti di DPI e relative evidenze di pagamento.
    L’accesso alla procedura informatica è riservato al legale rappresentante/titolare dell’impresa proponente, come risultante dal Registro delle imprese e prevede l’identificazione e l’autenticazione tramite la Carta nazionale dei servizi.

    Per maggiori informazioni

    Luca Prati
    Referente Ufficio Credito Lapam
    [email protected]
    cell: 348 8222440

    Daniela Bortoli
    Referente Ufficio Credito Lapam
    [email protected]
    059 893268 

    Oppure contatti le nostre sedi, consultando qui l'elenco


Notizie correlate


  • Superbonus 110%: Lapam Confartigianato sigla un accordo con BPER banca
    Superbonus 110%: Lapam Confartigianato sigla un accordo con BPER banca
    L'accordo faciliterà la gestione delle pratiche relative alla maxi detrazione  Notizia Completa
  • Il DL Ristori ha potenziato il Fondo 394/81 destinato alle imprese che esportano
    Il DL Ristori ha potenziato il Fondo 394/81 destinato alle imprese che esportano
    Come funziona e quali spese agevola il Fondo rotativo gestito da Sace Simest.  Notizia Completa
  • CCIAA Modena: un bando per la sicurezza dei villaggi artigiani
    CCIAA Modena: un bando per la sicurezza dei villaggi artigiani
    Un contributo per i gruppi di imprese che vogliono potenziare la sicurezza delle aree in cui operano   Notizia Completa