• Costruzioni Lapam: Ok ecobonus e sismabonus al 110%, ma siano duraturi
    edilizia ecologia casa abitaizione domotica bioarchitettura natura

    “La revisione di Ecobonus e sismabonus, di cui si parla nel cosiddetto ‘Decreto Rilancio’, è giusta. Ma deve ricomprendere tutti gli interventi di riqualificazione energetica e di sisma bonus e deve rimanere in vigore almeno fino al 2022”.

    Il Comparto Costrruzioni Lapam commenta così le indiscrezioni che prevedono l’inserimento nel Decreto cambiamenti sostanziali nel meccanismo di funzionamento dell’ecobonus e del sismabonus.

    “Se l'obiettivo è quello di rilanciare i consumi e far ripartire con slancio la filiera delle costruzioni, una filiera segnata pesantemente dagli anni di crisi e alle prese con la difficile contingenza determinata dalla pandemia – osserva Lapam – allora è necessario intervenire con attenzione. Pare certo che l’aliquota di detrazione sarà fissata al 110% e applicabile a interventi complessivi di riqualificazione energetica, mentre è ancora incerta l’inclusione degli interventi di rifacimento delle facciate (sulle quali al momento il bonus è al 90%). Il rafforzamento della detrazione, però, non deve essere riservato ai soli interventi complessi di riqualificazione energetica degli edifici, ma deve ricomprendere tutti gli interventi di riqualificazione energetica e di sisma bonus. In particolare l’intervento dovrebbe senz’altro includere anche serramenti e infissi, caldaie a condensazione e pompe di calore ad alta efficienza. Rimane la contrarietà alla reintroduzione generalizzata dello sconto in fattura, che era già stato oggetto di un parere negativo dell'Antitrust, a causa delle potenziali distorsioni che lo stesso introdurrebbe nel mercato, in favore di soggetti in posizione dominante. Dovrà essere chiarito – afferma il Comparto Costruzioni Lapam - che la cessione del credito è un'opportunità in primo luogo del soggetto committente. Valutiamo infine positivamente l’annunciata inclusione delle banche tra i soggetti cessionari, che può aiutare le piccole imprese a patto che l'intermediazione non comporti oneri eccessivi".

     

Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • Pagamenti digitali: l'Italia è ormai pronta per il giro di boa
      Pagamenti digitali: l'Italia è ormai pronta per il giro di boa
      In Europa l'Italia è tra i paesi a maggiore utilizzo del contante, ma le percentuali di crescita dei pagamenti digitali indicano chiaramente l'avvio di un cambiamento strutturale   Notizia Completa
    • È ora di un family act a misura di imprenditrici
      È ora di un family act a misura di imprenditrici
      Estendere la legge delega anche al lavoro autonomo. Ecco le nostre proposte   Notizia Completa
    • “Ripartire dopo Covid-19? Solo se lo sviluppo diventa sostenibile”
      “Ripartire dopo Covid-19? Solo se lo sviluppo diventa sostenibile”
      Secondo Enrico Giovannini servono regole per promuovere scelte responsabili in campo ambientale e sociale. La nostra intervista   Notizia Completa