• Palestre e piscine: da lunedì 25 maggio si riparte
    piscina

    Il DPCM del 17 maggio fissa a lunedì 25 maggio la riapertura di palestre e piscine. 
    Regione Emilia Romagna ha quindi pubblicato nella serata di giovedì 21 maggio, specifici protocolli anti covid-19 (li trovate in allegato ndr.), contenuti in una nuova ordinanza regionale firmata dal presidente Stefano Bonaccini. 

    Tra le misure previste:

    - sono vietati gli assembramento dei clienti all’ingresso delle strutture;
    - è obbligatorio installare dispenser con gel igienizzanti per la pulizia delle mani:
    - è necessario predisporre apposita cartellonistica sulle regole di distanziamento di almeno un metro tra le persone sedute e delle regole di igiene e pulizia dei locali; 
    - è obbligatorio dotare di mascherine clienti e personale nelle palestre.

    In entrambi i protocolli, tra le misure di carattere generale comuni a palestre e piscine, si insiste sulla responsabilizzazione da parte delle persone che frequenteranno gli impianti.Di seguito, alcuni dei punti principali dei protocolli operativi.

    Palestre

    I gestori delle palestre sono tenuti ad informare clienti e personale addetto in merito a quanto prevedono le disposizioni in vigore, anche con cartelli esplicativi e depliant.
    L’ingresso dei clienti deve evitare gli assembramenti ed assicurare il distanziamento di almeno un metro tra una persona e l’altra.

    Inoltre, specifica il protocollo, l’accesso alle strutture è consentito se protetti da mascherine chirurgiche (o analoghe mascherine consentite) che dovranno essere indossate anche durante la permanenza nelle aree comuni, tranne durante lo svolgimento dell’attività sportiva/motoria. Questo vale anche per il personale addetto al ricevimento dei clienti, rispettando sempre il distanziamento sociale.

    Potrà inoltre essere rilevata all’ingresso la temperatura corporea, tramite termometro digitale senza contatto, e anche sul versante delle norme igieniche, al di là di quelle basilari sulla sanificazione degli attrezzi e degli ambienti e sulla fornitura di dispenser di gel igienizzanti, i frequentatori delle palestre non potranno condividere cibo, bottigliette dell’acqua e vestiario.

    Quanto ai servizi igienici e spogliatoi, si raccomanda di organizzare gli spazi per consentire il distanziamento, anche in questo caso di almeno un metro e di non consentire l’uso promiscuo degli armadietti mettendo a disposizione dei sacchetti per riporre gli effetti personali. Infine, sarà necessario garantire una aerazione adeguata dei locali, naturale e con impianti di ventilazione.

    Leggi anche: Mascherine e dispositivi di sicuerezza, dove trovarli

    Piscine

    Anche per questi impianti è necessario predisporre una adeguata cartellonistica, che informi delle norme di sicurezza che occorre rispettare.
    È obbligatorio l’uso delle mascherine negli ambienti chiusi tipo reception, spogliatoi, servizi, bar, ecc… e negli ambienti all’aperto dove non è possibile mantenere il distanziamento di un metro (ingressi, percorsi, ecc.).

    Deve essere assicurata la pulizia e disinfezione quotidiana dei locali, ambienti, sezioni, postazioni di lavoro.
    Deve essere svolta, inoltre, una regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, attrezzature (sdraio, sedie, lettini, incluse attrezzature galleggianti, natanti, etc.).
    Le attrezzature come ad esempio lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo famigliare.
    Occorre anche garantire la disponibilità in vari punti di erogatori con soluzione disinfettante per l’igienizzazione delle mani.

    Per garantire il corretto distanziamento tra le persone, occorre definire misure di distanziamento minime nelle vasche e aree pertinenti nonché nel solarium e tra le attrezzature disponibili, fermo restando che deve in ogni caso essere assicurato il distanziamento interpersonale di almeno un metro. Per quanto riguarda gli ombrelloni nelle aree esterne, dovrà essere rispetto del limite minimo di distanza tra ombrelloni della stessa fila e tra file che garantisca una superficie minima ad ombrellone di 12 metri quadrati a paletto.

    Per quanto riguarda gli spogliatoi e docce, occorre assicurare le distanze di almeno 1 metro. Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche se depositati negli armadietti; non è consentito l’uso promiscuo degli armadietti.

    Per quanto riguarda servizi igienici e docce, occorre prevedere la pulizia più volte durante la giornata e la disinfezione a fine giornata dopo la chiusura. All’interno del servizio dovranno essere disponibili, oltre all’igienizzante per le mani, Kit con accessori per autopulizia quali prodotti detergenti e strumenti usa e getta per la pulizia che ciascun cliente potrà fare in autonomia.
    Le aree giochi per bambini vanno delimitate ed individuate, indicando il numero massimo di bambini consentiti all'interno dell'area.

    Le piscine dedicate ai giochi acquatici devono essere convertite in vasche per la balneazione.

     


Notizie correlate


  • “Ripartire dopo Covid-19? Solo se lo sviluppo diventa sostenibile”
    “Ripartire dopo Covid-19? Solo se lo sviluppo diventa sostenibile”
    Secondo Enrico Giovannini servono regole per promuovere scelte responsabili in campo ambientale e sociale. La nostra intervista   Notizia Completa
  • Rientri dall'estero: quando sono obbligatori quarantena e tampone
    Rientri dall'estero: quando sono obbligatori quarantena e tampone
    Sempre, se si proviene da paesi extra Schengen e da due Paesi dell'Unione Europea che non aderiscono al patto, Bulgaria e Romania   Notizia Completa
  • Cosa stabilisce l'Ordinanza della Regione Emilia Romagna del 4 agosto
    Cosa stabilisce l'Ordinanza della Regione Emilia Romagna del 4 agosto
    Che tra le altre cose aumenta le risorse dei Comuni per la gestione dei rifiuti e toglie l'obbligo dei guanti per i clienti di acconciatori ed estetiste  Notizia Completa