• MePA - Mercato Elettronico Pubblica Amministrazione
    MePA Mercato Elettronico Pubblica Amministrazione

    MePA - l’amministrazione si rifornisce online:
    cos’è e come funziona

    Lapam Confartigianato Imprese Modena e Reggio Emilia aderisce dal 2013 al progetto Sportelli in Rete promosso da Consip e ha attivato uno sportello al quale le imprese possono rivolgersi per ottenere informazioni e assistenza sulle modalità di utilizzo del mercato elettronico, avere un supporto per la presentazione della domanda di abilitazione, per la risposta alle Richieste d'Offerta e la gestione del catalogo on-line.

    Cos'è il Mepa?

    Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione, così detto MEPA, è uno strumento di eProcurement pubblico normato dall'articolo 328 del D.P.R. 207/2010 Regolamento attuativo del Codice dei Contratti Pubblici.

    Si tratta di un vero e proprio mercato virtuale, implementato su portali on-line, in cui pubbliche amministrazioni e imprese si incontrano per l'affidamento di appalti di servizi e forniture, anche in applicazione delle procedure di acquisto in economia. Attualmente rimangono esclusi gli appalti di opere/lavori.

    Qual'è il suo obiettivo?

    L’obiettivo è offrire alle amministrazioni pubbliche, nell’ambito del Programma di razionalizzazione della spesa pubblica per beni e servizi, un contributo sostanziale all’efficientamento dei processi di acquisto attraverso strumenti di selezione del contraente, che pre-verifichino il possesso dei requisiti da parte degli operatori economici, dematerializzino e telematizzino le procedure e consentano il più ampio accesso possibile alle imprese.

    l'iter normativo

    Il maggiore impulso all'utilizzo di tale strumento, istituito già nel 2002, è arrivato con i decreti di Spending Review dell'estate 2012, che hanno previsto:

    con l'art. 7 c.2 del decreto n. 52/2012 – la modifica del comma 450 dell’art.1 della Legge 296/2006 (Legge Finanziaria 2007), prevedendo l'estensione dell'obbligo di adesione al Mercato elettronico della PA per acquisti di beni e servizi di valorte inferiore alla soglia comunitaria (207.000 €), già in essere per le Amministrazioni Centrali e Periferiche, alle restanti Amministrazioni pubbliche (di cui all'art. 1 del D.Lgs. n. 165/2001) e con l'art. 1 c.1 del d.l. n. 95 del 6 luglio 2012 - la nullità dei contratti stipulati in violazione dell'articolo 26, c. 3 della legge n. 488 del 23/12/1998 e dei contratti stipulati in violazione degli obblighi di approvvigionarsi attraverso gli strumenti di acquisto messi a disposizione da Consip S.p.A.- a tanto aggiungasi che, tale violazione, costituisce illecito disciplinare ed è causa di responsabilità amministrativa.

    Ancora, il D.L. 66/2014, all' art. 9 c. 4, ha sostituito integralmente il comma 3-bis dell’art. 33 del Codice D.Lgs 163/2006, prevedendo che a partire dal 1 settembre 2015 i Comuni non capoluogo di provincia procedono all'acquisizione di lavori, beni e servizi nell'ambito delle unioni dei comuni...., ove esistenti, ovvero costituendo un apposito accordo consortile tra i comuni medesimi e avvalendosi dei competenti uffici anche delle province, ovvero ricorrendo ad un soggetto aggregatore o alle province. 
    In alternativa, gli stessi Comuni possono acquisire beni e servizi attraverso gli strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.p.A. o da altro soggetto aggregatore di riferimento. L’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture non rilascia il codice identificativo gara (CIG) ai comuni non capoluogo di provincia che procedano all’acquisizione di lavori, beni e servizi in violazione degli adempimenti previsti dal presente comma.

    Ad oggi il Mercato Elettronico è implementato in via prioritaria sulla piattaforma gestita da Consip www.acquistinretepa.it e sulle piattaforme della c.d. centrali di committenza regionale.
    La Regione Emilia Romagna ha affidato tale ruolo all’Agenzia per lo sviluppo dei mercati telematici Intercent-ER su www.intercent.it, che dal 1 luglio 2015 ha messo a disposizione una nuova piattaforma - su cui verranno comunque migrate tutte le PA e i fornitori già abilitati.

    Mercato elettronico di Acquistinretepa:

    - i fornitori si possono abilitare ad uno o più bandi di abilitazione, a seconda dei beni/servizi trattati, pre-verificandone la presenza nella “Vetrina bandi di abilitazione”, al momento, infatti, non sono presenti tutte le categorie merceologiche e per alcune imprese tale abilitazione non risulta possibile.

    - i fornitori abilitati vengono consultati dalle PA attraverso Richieste d'Offerta (RdO) trasmesse telematicamente e a cui sarà possibile rispondere, attraverso il caricamento sulla piattaforma di documenti firmati digitalmente;
    - i fornitori pubblicano nel proprio catalogo on-line offerte su servizi e prodotti (fedelmente rispondenti alle caratteristiche tecniche esplicitate nel capitolato del Bando) valorizzandone, in alcuni casi, anche il prezzo e su questi ricevere Ordini Diretti (OdA).

    Mercato elettronico di Intercent-ER:

    - i fornitori possono abilitarsi all'unico bando presente, scegliendo la/e categoria/e da un elenco organizzato gerarchicamente – individuando i macrolivelli (1) e (2);
    - non essendo prevista la pubblicazione di un catalogo, i fornitori possono essere interpellati dalle PA solo attraverso Richiesta d'Offerta.

    Per abilitarsi al MEPA, oltre al possesso dei requisiti di ordine generale previsti dal Codice dei Contratti Pubblici, è necessario un pc, una connessione a Internet e la firma digitale del legale rappresentante per la sottoscrizione di tutti i documenti di gara scambiati sulle piattaforme.

    Per informazioni e assistenza:

    [email protected]
    Tel. 059.893273

    Il MEF mette a disposizione delle imprese abilitate al Mercato Elettronico di www.acquistinretepa.it uno strumento gratuito di Fatturazione Elettronica, che garantisce la generazione, la trasmissione e la conservazione a norma delle Fatture Elettroniche.

    La Fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione

    La Legge 244/2007, modificata dal Decreto Legislativo 201 del 2011, ha istituito l’obbligo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione (articolo 1, commi 209-214). Sulla base di tale previsione, la Pubblica Amministrazione non potrà più accettare le fatture in forma cartacea, né procedere al relativo pagamento.

    Per saperne di più

     

     

     


Download formato testo:
Allegati:

    Notizie correlate


    • Un corso per diventare tecnico esperto nella gestione di sistemi per la sostenibilità ambientale
      Un corso per diventare tecnico esperto nella gestione di sistemi per la sostenibilità ambientale
      L'obiettivo del percorso formativo è di formare un tecnico esperto nella gestione di sistemi per la sostenibilità ambientale specializzato in agricoltura digitale.  Notizia Completa
    • Efficacia ed efficienza con il digitale
      Efficacia ed efficienza con il digitale
      Il corso, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, è organizzato da FORMart e dedicato a donne residenti o domiciliate in Emilia Romagna.  Notizia Completa
    • Corso abilitante per accompagnatore turistico
      Corso abilitante per accompagnatore turistico
      Il corso è finalizzato ad ottenere l'abilitazione per lavorare con i turisti in Italia e all'estero.  Notizia Completa