Torna all'elenco

Investimenti sostenibili 4.0, dal 18 maggio via alle domande di contributo

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato sul proprio sito la procedura per richiedere i contributi per “Investimenti sostenibili 4.0”. I termini e le modalità per la presentazione delle domande sono state definite dal decreto ministeriale del 12 aprile 2022, con cui è stata disposta l’apertura dello sportello, a partire dalle ore 10:00 del 18 maggio 2022.

A chi si rivolge il bando “Investimenti sostenibili 4.0”

Il bando agevola investimenti proposti da micro, piccole e medie imprese, conformi ai principi di tutela ambientale e ad elevato contenuto tecnologico, coerenti con il Piano Transizione 4.0.

Quali spese agevola il bando “Investimenti sostenibili 4.0”

In particolare il bando “Investimenti sostenibili 4.0” agevola spese che favoriscono la transizione dell’impresa verso il paradigma dell’economia circolare e migliorano la sostenibilità energetica dell’impresa, secondo le soluzioni indicate nell’allegato 2 del DM 10 febbraio 2022. All’agevolazione sono ammessi investimenti che hanno ad oggetto tecnologie quali:

  • advanced manufacturing;
  • additive manufacturing;
  • realtà aumentata;
  • integrazione orizzontale e verticale;
  • internet of things;
  • industrial internet;
  • cloud computing;
  • cybersecurity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain.

Le spese ammissibili dal bando “Investimenti sostenibili 4.0” dal decreto (elencate qui) sono relative a:

  • macchinari, impianti, attrezzature;
  • opere murarie (nei limiti del 40% del totale dei costi ammissibili);
  • programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali;
  • acquisizioni di certificazioni ambientali.

Dotazione finanziaria e contributo

La dotazione finanziaria complessiva del bando “Investimenti sostenibili 4.0” è pari ad oltre 677 milioni di euro. Di cui 250 milioni destinati alle regioni del Centro Nord (grazie ai fondi europei previsti dal piano React EU) e 427 milioni per le regioni del Sud Italia. Per quanto riguarda i piani di investimenti realizzati da imprese con sede o unità operativa nella nostra regione, il sito del MISE specifica che:

“[…] le spese ammissibili non devono essere inferiori complessivamente a un milione di euro e non superiori a 3 milioni di euro e, comunque, all’80% del fatturato dell’ultimo bilancio approvato e depositato”

e ancora che:

“il contributo massimo è pari al 35% per le imprese di micro e piccola dimensione e al 25% delle spese ammissibili per le imprese di media dimensione”

Come ed entro quanto presentare domanda

Come previsto dal MISE, l’apertura dello sportello per la presentazione delle domande è fissato dalle ore 10:00 del 18 maggio 2022, ma sarà possibile compilare la domanda di accesso alla misura – esclusivamente online, sul sito di Invitalia – già a partire dal 4 maggio.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate