Torna all'elenco

Bando INAIL 2016, un contributo per la sicurezza in azienda

Bando INAIL 2016, un contributo per la sicurezza in azienda

Pubblicato il 15 dicembre il bando Inail per le spese sostenute per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro

Un'opportunità da cogliere. L'Inail finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi previsti dal bando Isi, pubblicato lo scorso 15 dicembre, sono imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Cosa prevede il bando?

Tramite questo bando, l'Inail rende disponibili oltre 244 milioni di euro (di cui 19 destinati alla Regione Emilia Romagna) finanziabili per progetti di investimento in sicurezza, per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, di bonifica dell'amianto e per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività. Il contributo, pari al 65% dell'investimento fino a un massimo di 130mila euro (50mila per micro e piccole imprese operanti in specifiche attività) viene erogato alla realizzazione del progetto e previo verifica tecniche. Il contributo è cumulabile con benefici da interventi pubblici di garanzia sul credito (esempio: gestiti dal Fondo di garanzia delle PMI e da Ismea).

Come si partecipa al bando?

La partecipazione al bando prevede tre fasi.

Dal 19 aprile 2017 fino alle ore 18.00 del 5 giugno, le imprese registrate al sito Inail dovranno accedere alla sezione "Accedi ai servizi online". Qui dovranno compilare la domanda e verificare l'ammissibilità della stessa.

Dal 12 giugno tutte le aziende che hanno ottenuto l'ammissibilità al bando, potranno scaricare il proprio codice identificativo. Grazie a questo codice le imprese accedono alla seconda fase, o click day, che verrà annunciato a partire dal 12 giugno.
"Gli elenchi in ordine cronologico – si legge nella comunicato dell'Inail – di tutte le domande inoltrate, con evidenza di quelle collocatesi in posizione utile per l'ammissibilità al finanziamento, saranno pubblicati entro sette giorni dal giorno di ultimazione della fase di invio del codice identificativo".

Infine, nella terza ed ultima parte, le imprese dovranno far pervenire all'Inail, entro e non oltre 30 giorni da quello successivo al perfezionamento della seconda fase, copia della domanda telematica generata dal sistema e tutti gli altri documenti indicati nell'Avviso pubblico per la specifica tipologia del progetto.

Per maggiori informazioni e assistenza:
Ufficio Credito Lapam Confartigianato
: secofin@lapam.eu
. 059 893 111

 

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This