Torna all'elenco

Bando internazionalizzazione – imprese non esportatrici o esportatori non abituali

Entità del contributo

Sono oltre un milione di euro i fondi che la Regione Emilia-Romagna e le Camere di commercio dell’Emilia-Romagna hanno destinato a tale scopo. Il contributo è pari al 50% delle spese, con un minimo di 3.000,00 euro (a fronte di spese complessive pari a 6.000,00 euro) e un massimo di 15.000,00 euro (a fronte di spese complessive pari a 30.000,00 euro).

Finalità

Il Bando sostiene iniziative di promozione sui mercati esteri e interventi volti ad accrescere le competenze manageriali in tema di internazionalizzazione, allo scopo di supportare le imprese che vogliono approcciare per la prima volta i mercati esteri o che già esportano ma in modo soltanto occasionale. Le imprese dovranno presentare un progetto finalizzato a supportarle e prepararle a presentarsi sui mercati internazionali.
progetti avranno inizio a partire dalla data di presentazione della domanda e dovranno concludersi entro il 30/03/2019.
prima attività che il progetto deve obbligatoriamente prevedere è l'analisi delle potenzialità dell'impresa nell'affrontare un percorso di internazionalizzazione, per effettuare tale assessment l'impresa deve avvalersi di un consulente esterno, da scegliere fra quelli accreditati dal MISE per le attività di internazionalizzazione (vedi elenco) e/o dei servizi resi dalle Camere di commercio o dalle Aziende Speciali delle Camere di commercio dell'Emilia-Romagna.

Beneficiari

Possono presentare domanda di contributo le imprese manifatturiere (classificazione Istat Ateco 2007 – sezione C divisioni dalla 10 alle 33 codice primario e/o secondario), con un fatturato minimo di € 500.000,00, di micro, piccola e media dimensione, che nel biennio 2015-16 non abbiano esportato o siano state esportatrici non abituali (export inferiore al 10% del fatturato), aventi sede legale e/o sede operativa attiva in Emilia-Romagna.

Spese ammissibili

Sono ammesse esclusivamente spese strettamente necessarie per la realizzazione del progetto di
proposto e debitamente documentate quali:

  1. spese di consulenza esterna volte ad identificare e sviluppare un percorso di internazionalizzazione pluriennale,
  2. spese per la predisposizione o revisione del sito internet dell'impresa in lingua straniera e per la sua pubblicizzazione tramite internet (quali, a titolo di esempio: search engine optimization, search engine marketing, direct email marketing, content management, compreso il monitoraggio e la reportistica dei risultati), elaborazione di piani di web marketing;
  3. spese per la produzione di materiali promozionali (in lingua inglese o nelle lingue dei mercati di destinazione individuati nel progetto), ad esclusione della manualistica tecnica;
  4. spese per la registrazione e la protezione del marchio nei mercati di destinazione individuati nel progetto;
  5. spese per consulenze finalizzate alla registrazione del marchio e all'ottenimento delle certificazioni per l'esportazione nei mercati di destinazione individuati nel progetto;
  6. spese relative al "Temporary Export Manager" (TEM) e "Temporary Marketing Manager" (TMM) (Senior) dedicato alla conduzione, coordinamento e gestione delle attività del progetto. I professionisti che supporteranno l'impresa dovranno essere scelti fra le società di consulenza con comprovata esperienza in materia di internazionalizzazione (come risultante nell'elenco dei consulenti accreditati dal MISE per l'attività di internazionalizzazione e/o dei servizi resi dalle Camere di commercio dell'Emilia-Romagna e/o dalle Aziende Speciali delle Camere di commercio dell'Emilia-Romagna). I professionisti scelti dall'impresa proponente devono dimostrare di aver assistito, su progetti di internazionalizzazione, almeno 6 imprese emiliano-romagnole negli ultimi due anni;
  7. spese relative alla risorsa Junior in affiancamento al senior TEM e/o TMM;
  8. spese per la partecipazione a fiere certificate "internazionali" svolte nei paesi esteri individuati dall'impresa e/o in Italia: costo dell'area espositiva, della progettazione dello stand e del suo allestimento, del trasporto dei materiali e dei prodotti (compresa l'assicurazione ed escluse le spese doganali), del costo di hostess e interpreti/traduttori (max 50% del totale del costo del progetto al netto della voce h);
  9. spese di consulenza per la ricerca di partner commerciali o industriali, agenti, buyers per la realizzazione degli eventi promozionali di natura commerciali (b2b);
  10. spese relative all'organizzazione di incontri d'affari e visite aziendali di potenziali partner commerciali e produttivi nei paesi esteri individuati dall'impresa, incluse le spese di viaggio, vitto e alloggio dei rappresentanti delle imprese estere, con l'esclusione delle spese di viaggio, vitto e alloggio dei dipendenti, soci o rappresentanti dell'impresa beneficiaria del contributo;
  11. spese per l'organizzazione di eventi promozionali di natura commerciale quali: affitto e allestimento sale, catering, hostess e/o interpreti;
  12. spese relative alla partecipazione a "incoming b2b" in Italia con operatori esteri dei paesi individuati dall'impresa.

Criteri di valutazione e premialità

Le candidature saranno esaminate attraverso una procedura valutativa che verterà su chiarezza degli obiettivi, impatto sulle potenzialità di esportazione, potenziamento degli strumenti promozionali e qualità economico-finanziaria del progetto. E' prevista una premialità aggiuntiva per le imprese che hanno partecipato o si impegnano a partecipare a un percorso formativo di base di minimo 16 ore in tema di internazionalizzazione.

Presentazione della domanda

La domanda dovrà essere presentata in modalità telematica entro le ore 16.00 del 2 luglio 2018.

Informazioni:

Matteo Bautti – 3666226359 – matteo.bautti@lapam.eu
Alberto Medici – 3355969507 – carloalberto.medici@lapam.eu

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This