Torna all'elenco

Bando per progetti di promozione dell’export e per la partecipazione a eventi fieristici

26 Aprile 2017
 
La misura si svilupperà su due linee d'intervento e consentirà di inserire attività fino al 31/12/2018.
A. Azioni per imprese non esportatrici o esportatrici non abituali. Progetti realizzati da piccole e medie imprese non esportatrici o esportatrici non abituali, finalizzati a realizzare un percorso strutturato, nell’arco di massimo due annualità, costruito a partire da un piano export, su un massimo di due paesi esteri scelti dall’impresa;
B. Partecipazione a fiere internazionali. Progetti realizzati da piccole e medie imprese, anche già esportatrici, per la partecipazione a un programma costituito da almeno 3 fiere svolte in paesi esteri. 

Progetti di tipo A

Possono fare domanda:
– Imprese non esportarci,
– Esportatori non abituali (fatturato rivolto all'estero inferiore del 10%), in forma singola o aggregata
imprese devono avere un fatturato minimo di 700 mila euro e il costo minimo del progetto dovrà essere di 50.000 euro. Sono ammesse a contributo le spese, sostenute dalla data di presentazione della domanda e sino al 31/12/2018, riguardanti, ad esempio:
– La consulenza per la pianificazione di un piano di internazionalizzazione pluriennale, comprensiva di checkup aziendale (max 20.000 €)
– Un Temporary Export Manager (TEM) che coordini e gestisca il progetto (max 50.000€)
– L’organizzazione di incontri di affari e visite aziendali in Emilia Romagna
– L’organizzazione di eventi promozionali
– La consulenza per la predisposizione di reti commerciali all’estero
– Le spese di partecipazione a fiere internazionali o di livello nazionale svolte in paesi esteri
– La registrazione e la protezione dei marchi nei paesi di destinazione
– Le consulenze per la certificazioni per le esportazioni
– La predisposizione o revisione del sito internet in lingua straniera e l’elaborazione di piani di marketing
– Le spese generali

Il contributo, a fondo perduto, arriva al 40% delle spese ammissibili (percentuale che sale al 45% se il progetto prevede assunzione di nuovo personale). Il contributo non può superare i 100.000 euro (400.000 euro per le reti di impresa). Le spese devono essere sostenute dalla data di presentazione della domanda al 31 dicembre 2018, e quietanziate entro la data di rendicontazione (01/04/2019).

I tempi di presentazione delle domande sono divisi in due tranche:
dal 15 maggio al 15 giugno 2017,
’11 settembre all’11 ottobre 2017

Progetti di tipo B

A questi progetti possono partecipare imprese, esportatrici e non, in forma singola o aggregata, aventi sede o unità operativa in Emilia Romagna, che partecipino ad almeno tre fiere di qualifica internazionale e nazionale all’estero. Sono ammesse a contributo le spese, sostenute dalla data di presentazione della domanda e sino al 31/12/2018, riguardanti:
– Il costo dell’area espositiva (comprensivo di progettazione e allestimento stand)
– Trasporto di materiali e prodotti
– Costo di hostess e interpreti
– Consulenze per la ricerca di partner commerciali o industriali e l’organizzazione di incontri nell’ambito del contesto fieristico
– Registrazione e protezione del marchio nel paese di destinazione
– Le consulenze per la certificazioni per le esportazioni

Costo minimo del progetto: 20.000 euro
contributo, a fondo perduto, arriva al 
30% delle spese ammissibili.

Le spese devono essere sostenute dalla data di presentazione della domanda al 31 dicembre 2018, e quietanziate entro la data di rendicontazione (01/04/2019).

I tempi di presentazione delle domande sono divisi in due tranche:
dal 15 maggio al 15 giugno 2017,
’11 settembre all’11 ottobre 2017

Informazioni

Per maggiori informazioni contattare matteo.bautti@lapam.eu

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This