Torna all'elenco

Contributi per iniziative di partecipazione fieristica

12 Settembre 2014

Bando per la concessione di contributi a sostegno di iniziative di partecipazione fieristica – misura 4.2
L'obiettivo di questo bando è di promuovere i processi di internazionalizzazione delle imprese regionali con il sostegno a iniziative di partecipazione a fiere ed eventi internazionali. 

 

 

 

1. OBIETTIVI ED OGGETTI DELL'INTERVENTO
Regione Emilia-Romagna con la Legge regionale 21 aprile 1999 n. 3, articoli. 53, 54 e 61, e la conseguente programmazione, promuove l'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese attraverso la realizzazione di eventi e progetti organici di promozione finalizzata all'ingresso in mercati esteri

 

2. CHI PUÒ FARE DOMANDA
presentare domanda di contributo:
. le P.M.l., aventi sede legale in Regione Emilia Romagna, in forma singola.
. le P.M.l., aventi sede legale in Emilia Romagna, aggregate in Associazione Temporanea di Impresa (A.T.l.), composta da un minimo di 3 imprese fra loro assolutamente indipendenti. Le imprese, cioè, non devono essere tra loro associate o collegate, ai sensi di quanto indicato nell'APPENDlCE 2, né avere soci in comune. Le percentuali di partecipazione delle imprese devono essere tendenzialmente paritetiche (massimo +/- 5%).

si tratti di A.T.l. non ancora costituita alla data di presentazione dell'istanza, questa dovrà essere costituita entro 60 giomi dalla data di ricezione della comunicazione dell'ammissione al contributo ed in ogni caso prima dell'inizio delle attività del progetto. Nel caso in cui non avvenga la costituzione del contratto entro questo temtine, l'A.T.l. non sarà considerata ammissibile al contributo.

 

3. MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

3.1 La domanda
impresa, singola o costituita in A.T.l., può presentare una sola domanda. Le imprese che presenteranno più domande saranno escluse dalla partecipazione. Le domande devono prevedere la partecipazione come espositori ad un minimo di 3 eventi di promozione da svolgersi nel corso del 2015 all'estero o in Italia esclusivamente nell'ambito dell'Esposizione Universale di Milano. ln caso di attività proposte da imprese singole, minimo due eventi devono essere costituiti da fiere con qualifica intemazionale. ln caso di domanda presentata da A.T.l. almeno un evento deve essere costituito da una fiera con qualifica intemazionale. E' possibile partecipare anche a più edizioni della medesima fiera, da tenersi in differenti periodi dell'anno. Per evento intemazionale, diverso dalle manifestazioni fieristiche, si intende una delle seguenti manifestazioni o attività da tenersi comunque all'estero: B2B, visite aziendali, forum, degustazioni, sfilate, esposizioni in show room, manifestazioni analoghe organizzate dal richiedente o alle quali il richiedente aderisce.

3.2 Le spese ammissibili
spese ammissibili, che dovranno essere ooerenti e finalizzate alla partecipazione agli eventi scelti, comprendono:

1. Partecipazione ad eventi all'estero, comprendente:

a) il osto dell'area espositiva e del suo allestimento; si precisa che in caso di partecipazione fieristica di A.T.l. la partecipazione dovrà essere
tramite stand in forma aggregata o, solo se il regolamento di partecipazione della fiera prescelta non consenta la partecipazione in un
stand a imprese diverse della medesima aggregazione, tali motivazioni andranno specificate puntualmente in sede di rendicontazione e
partecipazione delle imprese in stand diversi deve comunque garantire un'adeguata comunicazione della partecipazione delle imprese come
rnaggregazione;

b) il trasporto dei materiali e dei prodotti, compresa l'assicurazione;

c) il costo di hostess e interpreti;

d) il costo di consulenze esteme finalizzate esclusivamente alla partecipazione fieristica o alla realizzazione di eventi, nel limite massimo del 10% della somma delle precedenti voci di spesa ammesse 1), 2), 3); si precisa che, in caso di A.T.l, il consulente dovrà svolgere la prestazione per tutte le imprese associate;

2. Spese inerenti la registrazione e la protezione del marchio nei mercati in cui si svolgono le fiere o gli eventi promozionali oggetto di contributo

3. Spese per consulenze finalizzate all'ottenimento delle certificazioni per l'esportazione nei mercati in cui si svolgono le fiere o gli eventi promozionali oggetto di contributo;

4. Spese per eventi nell'ambito dell'Esposizione Universale di Milano 2015 (Expo 2015), purché:

– |'evento sia da realizzare nel quartiere espositivo dell'Expo 2015;
– sia attinente al tema dell'Expo 2015 “Nutrire il pianeta. Energia perla vita”.

5. Solo nel caso di A.T.l.:

– il costo perla produzione di materiali promozionali, ad esclusione della manualistica tecnica, nel limite massimo di euro 10.000;
– spese di coordinamento nella misura massima del 15% della somma delle spese ammesse;
– spese notarili perla costituzione dell'ATl

Non sono ammesse le seguenti tipologie di spesa:

– spese di personale della/e impresa/e beneficiarie;
– spese generali;
– spese di viaggio e di soggiorno.

I costi indicati nell'intervento ed ammissibili al contributo si intendono al netto di IVA, bolli, spese bancarie, interessi e ogni altra imposta elo onere accessorio (spese di spedizione, trasporto/viaggio, vitto, alloggio).

 

4. PERIODO DI AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE
fini del riconoscimento della loro ammissibilità, le spese di cui al precedente paragrafo 4.2, dovranno essere sostenute nel 2015. A tale scopo si tenfà conto della data di emissione delle fatture che non potrà essere precedente al 01/01/2015, salvo anticipi dovuti esclusivamente all`affitto degli spazi espositivi, né successive al 31/12/2015. In ogni caso le fatture non dovranno riferirsi a prestazioni, fomiture o acquisti iniziati/effettuati prima di tale data. Peri progetto realizzati da ATI le spese sono ammissibili se, oltre a rispettare i termini suddetti, sono successive alla data di costituzione dell'ATl Le fatture di spesa dovranno essere integralmente quietanzate entro il 31/12/2015. Le spese sostenute oltre la scadenza del suddetto termine perentorio non venfanno riconosciute.

 

5. CONTRIBUTO REGIONALE
contributo verrà concesso in rapporto alle spese ammesse secondo le seguenti modalità:

– nel caso di domanda presentata da singole PMI, la spesa ammissibile non potrà essere inferiore a euro 20.000,00 e non potrà superare euro 100.000,00; il contributo sarà pari al 30% della spesa ammissibile;

– nel caso di domanda presentata da A.T.l., la spesa ammissibile non potrà essere inferiore a euro 100.000,00 e non potrà superare euro 200.000,00; il contributo sarà pari al 45% della spesa ammissibile. I contributi concessi, ai sensi del presente bando, non sono cumulabili, perle stesse spese, con altri contributi concessi da qualsiasi ente pubblico

 

6. TEMPI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Il contributo sarà concesso secondo un meccanismo a sportello fino a esaurimento delle risorse disponibili.

Le domande potranno essere presentate alla Regione Emilia-Romagna tramite Pec a partire dalle ore 12.00 del 23 giugno ed entro e non oltre le ore 12.00 del 12 settembre 2014.

Allegati

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This