Torna all'elenco

Fattura elettronica e Mepa utilizzate dal 5% delle imprese

29 Giugno 2015

Castelnovo Monti – Molto partecipato l' incontro organizzato da Lapam.
Arlotti: «Chiediamo semplificazione». Recuperare competitività in un quadro in forte evoluzione. E' questo il motivo per cui a Castelnovo Monti più di 60 imprese hanno preso parte al confronto con gli esperti di Lapam Confartigianato sui temi della Fatturazione elettronica (obbligatoria per tutte le pubbliche amministrazioni da marzo di quest' anno) e del Mepa, il mercato digitale nel quale le amministrazioni possono acquistate beni e servi, obbligatorio per le stesse dal 1° settembre 2015.

«La percentuale delle imprese italiane che utilizza questi strumenti è ancora troppo bassa: la stima è infatti inferiore al 5% – ha sottolineato Gabriele Arlotti, presidente Lapam Confartigianato di Castelnovo Monti – Per questo la nostra associazione ha percepito la necessità e l' importanza di informare le proprie imprese associate su mepa e fatturazione elettronica, a fronte di una normativa cogente che, per una volta, vede la situazione italiana non difforme dagli altri stati europei».
corso dell' incontro Davide Simoncini, responsabile affari generali Lapam e Paolo Andreotti, responsabile ufficio fiscale, hanno illustrato il tema della fatturazione elettronica per la pubblica amministrazione.
, il decreto del Governo sulla fatturazione elettronica, varato il 21 aprile scorso, introduce la fatturazione elettro nica facoltativa fra privati: una realtà diversa rispetto a quella che interessa le Pubbliche amministrazioni ma che introduce alcuni incentivi per chi, d' ora in poi, sceglierà questa strada che, per altro, potrebbe anche diventare obbligatorio per tutto il mondo delle imprese.
Letizia Budri ha affrontato il tema del Mepa, spiegando modalità di accesso, opportunità e difficoltà.

«Chiediamo la massima semplificazione – ha concluso Arlotti – per questo auspichiamo la più ampia integrazione possibile tra la piattaforma nazionale e le piattaforme regionali, evitando un eccessivo e inutile frazionamento degli strumenti di acquisto della pubblica amministrazione».

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This