Torna all'elenco

Bollette: le istruzioni per rateizzare i pagamenti

La Legge di Bilancio 2022 ha previsto la possibilità – per le utenze domestiche – di rateizzare i pagamenti delle bollette di energia e gas. ARERA (l’Autorità di Regolazione per Reti e Energia ndr.) ha comunicato con un’apposita delibera l’iter operativo. Vediamo in sintesi di cosa si tratta, partendo da quanto disposto dalla manovra di bilancio dello Stato.

Le risorse della Legge di Bilancio per l’energia

Per far fronte agli eccezionali aumenti di prezzo di gas ed energia elettrica relativi al primo trimestre 2022, il governo ha stanziato in Legge di Bilancio (vedi art.158 ndr.) 3,8 miliardi di euro, suddivisi in questo modo:

  • 900 milioni destinati ad incrementare il bonus sociale per i nuclei familiari con ISEE inferiore a 8.265 euro;
  • 1,8 miliardi per ridurre gli oneri generali di sistema del settore elettrico per utenze domestiche e non, sino a 16,5 KW;
  • 600 milioni di riduzione IVA al 5% sul costo del gas metano per usi civili e industriali;
  • 480 milioni destinati alla riduzione degli oneri di sistema gas.

A queste risorse si somma 1 miliardo di euro per il piano di rateizzazione delle bollette, per alcune tipologie di utenze.

“Malgrado gli interventi – commenta ARERA – l’aumento per la famiglia tipo in tutela sarà comunque del +55% per la bolletta dell’elettricità e del +41,8% per quella del gas per il primo trimestre del 2022″.

Come funziona la rateizzazione delle bollette

Nella sua delibera ARERA chiarisce che, alla luce di quanto disposto dalla Legge di Bilancio per il 2022, i clienti in bassa tensione e chi consuma fino a 200mila SMC di gas all’anno, se in condizioni di morosità (cioè di inadempimento al pagamento ndr.), possono rateizzare le bollette emesse da gennaio ad aprile 2022 per un periodo massimo di 10 mesi e senza interessi.

Come detto sopra, per il sistema di rateizzazione è previsto un fondo di 1 miliardo di euro, con un meccanismo di anticipo alla filiera elettrica da attuarsi con la CSEA, la Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali.

Le istruzioni operative

Nello specifico la delibera chiarisce le modalità operative che i venditori di energia devono seguire per proporre ai clienti morosi la possibilità di rateizzare gli importi. In particolare prevedendo:

  • una periodicità pari a quella della ordinaria fatturazione delle bollette;
  • un numero di rate successive non cumulabili pari almeno al numero di bollette emesse in 10 mesi;
  • che la prima rata sia di un valore pari al 50% dell’importo totale oggetto del piano di rateizzazione e che il restante 50% sia recuperato in rate successive di ammontare costante.

ARERA specifica anche che i venditori possono negoziare con il proprio cliente un accordo diverso, per “meglio rispondere alle esigenze del cliente” nel limite di quanto previsto in manovra. In ogni caso, per aderire al piano di rateizzazione la volontà del cliente deve essere manifestata espressamente. Per questo ARERA sottolinea che nella comunicazione alla clientela, il venditore deve indicare il termine entro cui è possibile richiedere la rateizzazione e la modalità di adesione.

Infine, se il cliente non si attiene al piano concordato e non procede al pagamento di una o più rate, il venditore può dar corso alle ordinarie procedure di sospensione della fornitura di energia elettrica (ovvero di riduzione di potenza qualora previsto), secondo le modalità e i tempi specificati dall’Autorità.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate