Torna all'elenco

Come funziona il nuovo assegno unico

4 Gennaio 2022

Nuovo anno nuove regole. Venerdì 31 dicembre è entrato in vigore il D.lgs 230/2021 che istituisce il cosiddetto assegno unico universale (AUU). Da marzo 2022 questo strumento sostituirà tutte le provvidenze erogate sin qui per i figli a carico come il premio nascita o adozione, l’assegno per il nucleo familiare, il bonus bebè e le detrazioni fiscali per i figli sotto i 21 anni d’età.

Vediamo le principali novità, rimandandovi al nostro patronato INAPA per richiedere maggiori informazioni ed assistenza nella presentazione delle domande.

Cos’è l’assegno unico

L’assegno unico universale (AUU) è il nuovo strumento di assistenza riconosciuto mensilmente dall’INPS che integra o sostituisce tutti gli altri predisposti finora a sostegno delle famiglie (ad eccezione del bonus asilo nido che rimane invariato ndr.). L’obiettivo dichiarato dal governo è quello di razionalizzare e migliorare il sistema delle agevolazioni alle famiglie e degli incentivi alla nascita.

A chi spetta

La domanda di assegno unico universale può essere presentata da cittadini italiani, residenti o con permesso di soggiorno, a prescindere dalla loro condizione lavorativa. Il beneficio spetta infatti a tutti i lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, agli autonomi, ai pensionati, ai percettori di reddito di cittadinanza, ai disoccupati e inoccupati.

Come chiarito dall’INPS l’assegno unico spetta per ogni figlio minorenne e/o maggiorenne a carico fino al compimento dei 21 anni d’età. In questo caso è possibile ottenere il beneficio se il figlio/i maggiorenne a carico presenta uno dei seguenti requisiti:

  • frequenta corsi di formazione professionale, scolastica o universitaria;
  • svolge un tirocinio o un’attività lavorativa con un reddito complessivo inferiore a 8mila euro annui;
  • è disoccupato e risulta in cerca di un lavoro presso un centro per l’impiego;
  • svolge il servizio civile universale.

In caso di disabilità del figlio a carico l’assegno unico spetta senza limiti d’età e a prescindere dai punti elencati sopra.

Chi può presentare domanda

La domanda di assegno unico può essere presentata da uno dei genitori o da chi esercita la responsabilità genitoriale, a prescindere dalla convivenza con il figlio. L’istanza può essere richiesta anche dal figlio maggiorenne per sé stesso, da un affidatario o da un tutore nell’interesse del minore affidato o tutelato.

A quanto ammonta e com’è ripartito l’importo

L’importo dell’assegno unico universale è determinato sulla base dell’ISEE (l’indicatore della situazione economica equivalente ndr.) del nucleo familiare del beneficiario della prestazione.

L’importo erogabile oscilla da un minimo di 50 euro (25 euro per i maggiorenni) a un massimo di 175 euro (85 euro per i maggiorenni), per figlio. In assenza di ISEE o con ISEE pari o superiore a 40mila euro, il beneficio spetta con l’importo minimo previsto per legge.

L’assegno viene erogato direttamente dall’INPS su conto corrente bancario o postale, o tramite altre particolari modalità contemplate dalla normativa.

L’importo dell’assegno può essere erogato per intero al richiedente o ripartito tra i due genitori.

Come ed entro quando presentare domanda

Come scritto in premessa, la normativa sull’assegno unico è in vigore e le istanze telematiche possono essere già presentate attraverso il sito INPS, tramite SPID, o utilizzando il contact center o attraverso un patronato come INAPA.

L’erogazione dell’assegno avverrà da marzo fino a febbraio dell’anno successivo (per questo da gennaio a febbraio 2022 sono prorogate le misure precedenti all’introduzione del nuovo strumento ndr.).

La domanda può essere presentata dal 1° gennaio di ogni anno, tenendo presente che quelle presentate sino al 30 giugno danno diritto agli arretrati da marzo, mentre chi invia l’istanza dal 1° luglio perde i mesi pregressi.

Per evitare che nel mese di marzo i lavoratori abbiano una minore disponibilità economica, l’INPS ricorda di inoltrare le richieste entro il 28 febbraio, per ricevere l’assegno unico nel mese successivo. Per le domande pervenute oltre tale data, infatti, il pagamento verrà eseguito entro la fine del mese seguente.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate