Torna all'elenco

Lapam Modena e Reggio: accordo su nuovo contratto degli impiegati

4 Marzo 2015

Soddisfazione del sindacato Fisascat-Cisl per il rinnovo del contratto collettivo di lavoro degli impiegati di Lapam Federimpresa di Modena e Reggio Emilia.

L' accordo, che decorre dal 1° gennaio 2015 e scade il 31 dicembre 2017, si applica ai 500 dipendentiLapam e degli enti a essa collegati. Il precedente contratto era scaduto 31 dicembre 2013, nel 2014 è stato applicato un accordo-ponte. «Il nuovo contratto è stato approvato dai lavoratori a larga maggioranza e senza una sola ora di sciopero – sottolinea il segretario provinciale della Fisascat-Cisl Alessandro Martignetti – Abbiamo dimostrato grande senso di responsabilità e portato avanti la trattativa fino alla conclusione positiva, mentre altre organizzazioni hanno abbandonato il tavolo alla fine pur avendo condiviso unitariamente la nostra piattaforma. La Fisascat-Cisl, invece, ha scelto di difendere il diritto dei lavoratori ad avere un contratto collettivo pur in una fase di grande difficoltà.

L' accordo consente di mantenere l' attuale struttura organizzativa e occupazionale di Lapam Federimpresa di Modena e Reggio Emilia». Quanto ai contenuti del nuovo contratto, la parte economica prevede:
– conglobamento del premio di produttività su tutti gli istituti contrattuali (prima era in quota fissa)
– aumenti retributivi per gli anni 2016-2017 (1 per cento per ogni anno)
– nuova indennità disagio per trasferimenti con distanza superiore ai 20 km
– in caso di incidente totale rimborso del danno all' auto rimasto a carico del dipendenti nel limite del valore commerciale del veicolo
– buono pasto calcolato sulla base della distanza casa-lavoro
«Inoltre – aggiunge Martignetti – entro giugno 2015 saranno definiti nuovi parametri per l' attribuzione del premio di risultato allo scopo di renderlo esigibile (in precedenza era praticamente impossibile raggiungere gli obiettivi). Per quanto riguarda la parte normativa, sono stati introdotti permessi per cure salva-vita e di studio, condizioni più favorevoli per l' allattamento e – conclude il segretario provinciale della Fisascat-Cisl – una banca ore per gestire la flessibilità»

La Nuova Prima Pagina – 3 marzo


Il segretario provinciale di Fisiscat-Cisl Martignetti: "Il nuovo contratto è stato approvato dai lavoratori a larga maggioranza e senza una sola ora di sciopero. Abbiamo dimostrato grande senso di responsabilità e portato avanti la trattativa fino alla conclusione positiva."

C' è grande soddisfazione nel sindacato Fisascat-Cisl , rappresentante gli impiegati diLapam Federimpresa di Modena e Reggio Emilia. L' accordo decorre dal 1° gennaio 2015 e prevede i seguenti contenuti : la parte economica prevede il conglobamento del premio di produttività su tutti gli istituti contrattuali (prima era in quota fissa), aumenti retributivi per gli anni 2016-2017 (1 per cento per ogni anno), nuova indennità disagio per trasferimenti con distanza superiore ai 20 km, in caso di incidente totale rimborso del danno all' auto rimasto a carico del dipendenti nel limite del valore commerciale del veicolo, buono pasto calcolato sulla base della distanza casa-lavoro. Per quanto riguarda la parte normativa , sono stati introdotti permessi per cure salva-vita e di studio, condizioni più favorevoli per l' allattamento e una banca ore per gestire la flessibilità. Annuncio promozionale Questo contratto può essere considerato come un successo da parte del segretario provinciale di Fisascat-Cisl, Alessandro Martignetti, che, infatti, dichiara: "Il nuovo contratto è stato approvato dai lavoratori a larga maggioranza e senza una sola ora di sciopero. Abbiamo dimostrato grande senso di responsabilità e portato avanti la trattativa fino alla conclusione positiva, mentre altre organizzazioni hanno abbandonato il tavolo alla fine pur avendo condiviso unitariamente la nostra piattaforma. La Fisascat-Cisl, invece, ha scelto di difendere il diritto dei lavoratori ad avere un contratto collettivo pur in una fase di grande difficoltà . L' accordo consente di mantenere l' attuale struttura organizzativa e occupazionale di Lapam Federimpresa di Modena e Reggio Emilia."

Modena Today – 3 marzo

 


Il nuovo contratto per gli impiegati è stato firmato solo da Fisascat-Cisl.

Nemmeno un' ora di sciopero, ma una sola organizzazione sindacale firmataria, la Fisascat-Cisl, che esprime soddisfazione per il rinnovo del contratto collettivo di lavoro degli impiegati di Lapam Federimpresa di Modena e Reggio Emilia.
' accordo, che decorre dal 1° gennaio 2015 e scade il 31 dicembre 2017, si applica ai 500 dipendenti Lapam e degli enti a essa collegati.
«Il nuovo contratto è stato approvato dai lavoratori a larga maggioranza e senza una sola ora di sciopero – sottolinea il segretario provinciale della Fisascat-Cisl, Alessandro Martignetti – Abbiamo dimostrato grande senso di responsabilità e portato avanti la trattativa fino alla conclusione positiva, mentre altre organizzazioni hanno abbandonato il tavolo alla fine. L' accordo consente di mantenere l' attuale struttura organizzativa e occupazionale di Lapam Federimpresa di Modena e Reggio Emilia».
ai contenuti del nuovo contratto, la parte economica prevede il conglobamento del premio di produttività su tutti gli istituti contrattuali (prima era in quota fissa), aumenti retributivi per gli anni 2016- 2017 (1% per ogni anno), nuova indennità disagio per trasferimenti con distanza superiore ai 20 km, in caso di incidente totale rimborso del danno all' auto rimasto a carico del dipendenti nel limite del valore commerciale del veicolo, buono pasto calcolato sulla base della distanza casa-lavoro. «Inoltre – aggiunge Martignetti – entro giugno 2015 saranno definiti nuovi parametri per l' attribuzione del premio di risultato allo scopo di renderlo esigibile».

Gazzetta di Modena – 3 marzo

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This