Torna all'elenco

Dal 1 luglio niente più stipendio in contanti

12 Gennaio 2018

A decorrere dal prossimo 1 luglio 2018 diverrà vietato il pagamento delle retribuzioni in direttamente contanti al lavoratore a prescindere dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato, pena sanzioni che da € 1.000 a € 5.000
decorrere da questa estate, infatti, la retribuzione ai lavoratori da parte dei datori di lavoro e/o dei committenti andrà corrisposta tramite istituto bancario o ufficio postale utilizzando uno dei seguenti strumenti:

– bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore
– emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore (solo in caso di cosiddetto “comprovato impedimento” ad un suo delegato)
– altri strumenti di pagamento elettronico

La norma lascia aperta la possibilità di pagamento in contanti “indiretta”, ovverosia nel caso in cui il dipendente stesso si reca presso lo sportello bancario o lo sportello postale dove il datore di lavoro ha precedentemente aperto un c/c di tesoreria con mandato di pagamento

Eccezioni

UNICHE eccezioni agli obblighi sopra riportati riguardano specificatamente i rapporti di lavoro instaurati con le Pubbliche amministrazioni oppure quelli rientranti nell’ambito di lavori/servizi servizi familiari e domestici (colf e badanti)  il cui rapporto di lavoro sia regolamentato da contratto collettivo nazionale.

Infine è bene sottolineare che la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione.

 

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This