Torna all'elenco

Fattura elettronica, così non va

L’applicazione delle nuove disposizioni in merito alla fatturazione elettronica non deve tramutarsi in un salasso per le imprese. Queste sono le premesse con cui Confartigianato e Lapam approcciano il nuovo adempimento. 
cercare di contenere al massimo gli oneri l'associazione ha proposto, sia all’Agenzia delle entrate che al Ministero dell'Economia e delle Finanze, una articolata serie di soluzioni di ordine tecnico.

Le proposte di Confartigianato 

In primis lo snellimento degli adempimenti in tema di emissione della fattura (eliminazione della firma qualificata) e di conservazione sostitutiva delle FE. Inoltre, va attribuito un ruolo centrale agli intermediari: ciò è realizzabile facendo in modo che i medesimi siano destinatari delle FE, sia emesse che ricevute, dai propri assistiti. Da tale implementazione può derivare una riduzione di oneri oggi connessi all’imputazione dei dati delle fatture cartacee.

Inoltre, è troppo ravvicinata la data del 1° luglio 2018 per l’avvio della fatturazione elettronica per numerose attività (cessioni di carburante per autotrazione effettuati presso gli impianti stradali di distribuzione, subappaltatori in cui il committente è fornitore della Pubblica amministrazione, cessioni di benzina e gasolio utilizzati come carburanti per motori).

Occorre prorogare la scadenza ed accorparla a quella prevista per l’avvio generalizzato della FE (1° gennaio 2019).

In ogni caso, sono state evidenziate una serie di criticità che necessitano di rapida interpretazione in vista dell’avvio della FE a decorrere dal 1° luglio 2018.

Infine, Confartigianato continua con forza a richiedere che, contestualmente all’entrata in vigore della fatturazione elettronica:

  1. siano eliminati split payment, reverse charge e obbligo di comunicazione dei dati delle liquidazioni IVA;

  2. venga innalzato il limite da cui scatta l’obbligo di apposizione del visto di conformità per poter compensare i crediti fiscali da 5mila a 50mila euro;

  3. siano effettuati i rimborsi IVA entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione annuale;

  4. venga ridotta dall’8% al 4% la ritenuta sui bonifici relativi a spese per lavori edili per cui si rende applicabile la detrazione fiscale.

Richiesta Informazioni

Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

Sei già associato a Lapam Confartigianato? *

Please wait...

News correlate

Share This