Torna all'elenco

L’Emilia Romagna torna in zona arancione

19 Febbraio 2021

La notizia è arrivata nella serata di venerdì 19 febbraio, l’Emilia Romagna torna in zona arancione, cioè a rischio alto, già da domenica 21 febbraio. Lo ha stabilito il Ministro della Salute, Roberto Speranza, con una nuova ordinanza e sulla base dei dati forniti dal Comitato tecnico scientifico.

Insieme alla nostra regione tornano in zona arancione anche Molise e Campania, mentre Umbria e provincia autonoma di Bolzano diventano zona rossa.

Per avere un panorama dettagliato dei colori delle Regioni e di cosa è possibile fare nelle relative zone gialle, arancioni o rosse, consulta le FAQ del Governo

Cosa cambia

Da domenica 21 febbraio 2021 sarà possibile muoversi solo per comprovate esigenze lavorative o di necessità e muniti di autocertificazione (la trovate in allegato a questo articolo). Così come stabilito dal Dpcm del 14 gennaio 2021.

Spostamenti

  • È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute
  • Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza
  • Il transito nei territori in zona arancione è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti ai sensi del Dpcm 3 novembre
  • È vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune

Attività

  • Nelle zone arancioni sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio
  • Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze
  • Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici Ateco 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina) e 47.25 (commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati), l’asporto è consentito fino alle ore 18:00
  • Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro

Leggi anche le FAQ (domande frequenti) di Regione Emilia Romagna

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This