Torna all'elenco

Meccanica: Confartigianato firma il rinnovo del contratto collettivo

Confartigianato Autoriparazione, Confartigianato Metalmeccanica di Produzione, Confartigianato Impianti, Confartigianato Orafi, Confartigianato Odontotecnici, Confartigianato Restauro, insieme alle altre Organizzazioni artigiane e ai Sindacati di categoria Fim-Csil, Fiom-Cgil, Uilm–Uil, hanno firmato l’accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro dell’area Meccanica.

Il contratto si applica ad oltre 500mila lavoratori di 120mila imprese dei settori metalmeccanica ed installazione di impianti, autoriparazione, orafi, argentieri ed affini, odontotecnici, restauro.

Meccanica, le novità dell’accordo

L’accordo prevede un incremento delle retribuzioni del 5%, cioè 69,57 euro al 4° Livello, operario qualificato, del Settore Metalmeccanica e Installatori, che sarà erogato in tre tranches: 25 euro a gennaio, ulteriori 25 euro a maggio e 19,57 euro a dicembre 2022, quando il CCNL scadrà.

Il medesimo aumento sarà riparametrato per tutti gli altri livelli di inquadramento e per i lavoratori dei Settori Orafo-Argentiero-Affini e Odontotecnici.

Ai lavoratori in forza al 17 dicembre va anche un importo a titolo di una tantum di 130 euro (in due tranche: 70 euro a marzo e 60 euro a luglio 2022) a copertura del periodo di “vacanza contrattuale” di 36 mesi.

L’accordo dà attuazione alle recenti novità intervenute con la legge di conversione del Decreto Sostegni bis, prevedendo la reintroduzione delle causali di ricorso al contratto a tempo determinato e la stagionalità, in aggiunta a quelle di legge.

L’intesa, firmata anche da Confartigianato Restauro, prevede anche la copertura contrattuale a partire da gennaio 2022 delle imprese del Restauro Artistico di Beni Culturali, finora prive di una specifica copertura contrattuale. Sono state quindi definite nuove tabelle economiche e una nuova classificazione del personale.

Il rinnovo contrattuale prevede anche 8 ore di diritto soggettivo alla formazione per l’alfabetizzazione informatica, l’incremento dei trattamenti per trasferta e reperibilità del 5% da gennaio 2022, la revisione di alcune figure professionali e l’istituzione di una commissione per una riforma più complessiva dell’inquadramento.

Positivo il commento dei rappresentanti delle categorie di Confartigianato che considerano il rinnovo contrattuale un risultato significativo in questa fase in cui le imprese sono impegnate a riagganciare la ripresa e ad affrontare le nuove sfide del mercato.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate