Torna all'elenco

Novità dal settore ambiente: SISTRI e Albo Gestori Ambientali

25 Gennaio 2017

SISTRI: NUOVA PROROGA AL 31 DICEMBRE 2017

Pubblicato in GU Serie Generale n.304 del 30-12-2016 il DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2016, n. 244 (Decreto Milleproroghe) che prevede all’art. 12 la proroga fino al 31 dicembre 2017 del sistema “DOPPIO BINARIO”.

Continua l’obbligo di utilizzo di formulari e registri cartacei e del Sistri, il noto “doppio binario”. Fino al 31 dicembre 2017 quindi sarà sanzionato esclusivamente il mancato o scorretto utilizzo di formulari e registri cartacei (restano in vigore gli articoli 188, 189, 190, 193, 258 del D.Lgs 152/2006 antecedenti al D.Lgs 205/2010) e non il mancato e scorretto utilizzo del sistema Sistri.
Sistri continua ad applicarsi esclusivamente alla produzione e gestione di rifiuti speciali pericolosi senza apportare alcuna variazione a quanto precedentemente previsto; per i rifiuti non pericolosi, attualmente non soggetti all’uso del Sistri, permane comunque l’obbligo di utilizzo di formulari e registri carico/scarico tradizionali.
l’obbligo del pagamento dei diritti annuali Sistri (per i soggetti con obbligo d’iscrizione) entro il 30 aprile di ogni anno. La mancata iscrizione a sistri per i soggetti obbligati ed il mancato pagamento del contributo annuo comporteranno sanzioni per le aziende che secondo quanto previsto dall’art 260-bis del D.Lgs 152/2006 vanno dai 15.500 ai 93.000 euro e fino al 31 dicembre 2017 saranno dimezzate.

ALBO GESTORI AMBIENTALI: ULTIME DELIBERE

Il Comitato Nazionale dell’Albo Gestori Ambientali ha emanato la Delibera n. 5 del 3 novembre 2016 recante ‘Criteri e requisiti per l’iscrizione all’Albo, con procedura ordinaria, nelle categorie 1 (raccolta e trasporto di rifiuti urbani, 4 (raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi) e 5 (raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi)’.

La delibera definisce, in particolare, le dotazioni minime di veicoli e personale (art. 1) e la capacità finanziaria (art. 2) da dimostrare ai fini dell’iscrizione per singola categoria; prevede inoltre un periodo transitorio per adeguarsi alle nuove disposizioni (art. 3).
riferimento all’iscrizione all’iscrizione alla categoria 1 (raccolta e trasporto di rifiuti urbani), il Comitato nazionale ha previsto anche alcune sottocategorie di iscrizione (allegato D alla delilbera) le cui classi sono per lo più definite sulla base della quantità annua di rifiuti gestibili e non sulla popolazione servita come invece rimane per l’iscrizione ordinaria alla categoria 1.
’entrata in vigore della delibera è prevista per il 1° febbraio 2017 (data in cui vengono abrogate le deliberazioni n. 1 del 30 gennaio 2003, n.3 del 14 marzo 2012 e n. 6 del 12 dicembre 2012).
, è stata emanata la deliberazione n.03/ALBO/CN del 13 luglio 2016 contenente i criteri ed i requisiti per l'iscrizione delle imprese che intendono effettuare esclusivamente l'iscrizione in cat. 6 ("imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri di rifiuti di cui all’articolo 194, comma 3, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152").
categoria è stata prevista dal D.Lgs. 152/2006, all'articolo 194, comma 3 ed è stata istituita dal Decreto Ministeriale n. 120/2014.
'obbligo di iscrizione a questa categoria non sussiste per le imprese già iscritte alla Categoria 4 (per la raccolta ed il trasporto di rifiuti speciali non pericolosi), ed alla Categoria 5 (per la raccolta ed il trasporto di rifiuti speciali pericolosi).
'iscrizione alla Categoria 6 deve avvenire soltanto con modalità telematiche. Per regolarizzazione la propria posizione e poter proseguire con l'attività, le imprese già iscritte ai sensi delle precedenti delibere (deliberazione n. 3 del 22/12/2010 e deliberazione n. 1 del 16/01/2012), devono presentare richiesta di iscrizione entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore del nuovo provvedimento del Comitato Nazionale.
'entrata in vigore della presente delibera è stata il 15 ottobre 2016 e da tale data sono abrogate le deliberazioni n. 3 del 22 dicembre 2010, n. 3 del 14 marzo 2011 e n.1 del 16 gennaio 2012.

 

Richiesta Informazioni

Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

Sei già associato a Lapam Confartigianato? *

Please wait...

News correlate

Share This