Torna all'elenco

Prorogato al 30 settembre l’esonero contributivo per i lavoratori autonomi

È stata rinviata al 30 settembre la scadenza per presentare le domande di esonero contributivo fino a un massimo di 3mila euro, così come previsto dalla Legge di Bilancio 2021, per artigiani e lavoratori autonomi iscritti all’INPS e alle Casse private, danneggiati dall’emergenza innescata da Covid-19.

Lapam Confartigianato aveva contestato l’iniziale termine fissato a fine luglio con un decreto attuativo pubblicato il 28 luglio che fissava criteri e modalità per la concessione dell’esonero. Sarebbe stato impossibile, in soli due giorni, consentire agli imprenditori di presentare le domande di esonero.

La nostra confederazione è intervenuta inviando una lettera al Ministro del Lavoro, Andrea Orlando, per chiedere “con fermezza e necessaria urgenza” il differimento del termine, ora spostato a fine settembre.

I requisiti per richiedere l’esonero contributivo

Per farne richiesta è necessario:

  • la non titolarità di un rapporto di lavoro subordinato o di una prestazione di pensione diretta, per il periodo oggetto di esonero;
  • l’unicità della domanda presentata (l’esonero può essere richiesto a un solo ente previdenziale e per una sola forma di previdenza obbligatoria);
  • il rispetto del limite reddituale pari a 50.000 euro per il 2019;
  • il calo di fatturato pari almeno al 33% tra 2020 e 2019;
  • la regolarità nei versamenti alla contribuzione previdenziale obbligatoria.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This