Torna all'elenco

Reverse charge esteso a computer ed elettronica

Il Consiglio dei Ministri dell'11 febbraio ha approvato in via definitiva un decreto legislativo che riallinea la normativa nazionale alle ipotesi di reverse charge (o inversione contabile: in cui l'Iva è applicata ad opera dell'acquirente) ammesse dalla legislazione europea.

Il provvedimento approvato, in dettaglio, stabilisce di eliminare dall’articolo 17, comma 6 del Dpr 633/1972, perché già cassate da Bruxelles, le ipotesi di reverse charge relative ai materiali e prodotti lapidei, direttamente provenienti da cave e miniere (lettera d) e le cessioni di beni effettuate nei confronti della grande distribuzione (lettera d-quinqies). Inoltre, ha limitato l’operatività del reverse charge per quanto riguarda i telefoni cellulari, eliminando l’obbligo con riferimento ai loro componenti e accessori (lettera b).

Infine, ha esteso, integrando la lettera c), comma 6 dell’articolo 17, le ipotesi collegate all'informatica:

il meccanismo del reverse charge si applica alle cessioni di console da gioco, tablet, Pc e laptop, nonché alle cessioni di dispositivi a circuito integrato, quali microprocessori e unità centrali di elaborazione, effettuate prima della loro installazione in prodotti destinati al consumatore finale. Le nuove ipotesi previste dalla lettera c) diverranno operative solo dopo 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto in questione.


Notiziario Fiscale Numero #20

Bonus Ricerca e Sviluppo: le indicazioni di Confindustria
Telefisco 2016: la data di acquisto dell'immobile per il bonus mobili giovani coppie
Regime forfetario: passaggio dall'ordinario senza sanzioni
Reverse charge esteso a computer e microprocessori
Start up innovative, apertura più semplice con forma digitale e senza notaio
Superammortamento 140% per migliorie su beni di terzi: ok ma a certe condizioni
Comodato ai figli: le nuove Faq dell'IFEL
730/2016: detrazione Irpef spese scuola materna fino a 400 euro
San Marino senza più segreto bancario dal 2017
Detassazione premi di produttività: decreto attuativo in arrivo
Immobili – rettifica della rendita da motivare

Scadenziario – marzo 2016

Allegati

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This