Torna all'elenco

Risoluzione n. 2/df: confermato il blocco all’aumento delle aliquote imu e tasi

6 Giugno 2017

Risoluzione n. 2/df: confermato il blocco all’aumento delle aliquote imu e tasi

Con la Risoluzione n. 2/DF/2017 il Dipartimento dell'Economia e Finanze ha fornito alcuni chiarimenti circa il blocco dell'aumento dei tributi locali, previsto dall'art. 1, co. 26, legge n. 208/2015 per l'anno 2016, e prorogato dalla legge di bilancio 2017 anche per l'anno 2017.

Tale disposizione prevede l'impossibilità per gli enti locali di incrementare il livello dei tributi di propria competenza rispetto alle aliquote deliberate nel 2015. Il Dipartimento delle Finanze è stato interpellato per valutare la proposta di redistribuire il carico delle aliquote IMU e TASI per gli immobili di categoria catastale D1, D2, D4, D6 e D7, con una diminuzione dell'aliquota IMU (dal 10 al 7,6 per mille) e un corrispondente aumento dell'aliquota TASI (da 0 a 2,4 per mille), nel rispetto dei limiti massimi fissati dal comma 677, art. 1, legge n. 147/2013 (somma della TASI+IMU, per ogni tipologia d'immobile, non eccedente il 10,6 per mille).

Secondo il Dipartimento delle Finanze tale proposta non può essere accettata, in quanto comporterebbe un aggravio della TASI a carico di alcune categorie di contribuenti, determinando un maggior prelievo, in contrasto con il blocco degli aumenti citato in precedenza.

Si ricorda, infatti, che nel caso in cui l'immobile sia occupato da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale, l'occupante versa la TASI nella misura stabilita dal Comune (fra il 10 e il 30% dell'ammontare complessivo della TASI). Inoltre, qualora il Comune non abbia inviato la delibera d'individuazione della percentuale nei termini ovvero nel caso di mancata determinazione della stessa, la percentuale a carico del possessore diventa pari al 90% dell'ammontare complessivo del tributo. E' del tutto evidente che la suddetta proposta comporterebbe un aggravio del tributo per gli occupanti dell'immobile.

Richiesta Informazioni

Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

Sei già associato a Lapam Confartigianato? *

Please wait...

News correlate

Share This