Torna all'elenco

Scadenziario “Fiscale” – Giugno 2016

6 Giugno 2016

Mercoledì 15 giugno

IVA fatturazione differita

Ultimo giorno utile per l'emissione delle fatture relative alle cessioni di beni (comprovate da documenti di trasporto), spediti o consegnati nel mese precedente.

Mercoledì 16 giugno

IVA: annotazione e versamenti mensili

I contribuenti IVA devono liquidare il tributo per il mese di maggio 2016 ed effettuare il relativo versamento utilizzando il modello F24.

Codice tributo 6005 – versamento IVA mensile maggio

I contribuenti "mensili" che si avvalgono di terzi (associazioni, studi professionali, ecc.) per la tenuta della contabilità, optando, possono effettuare la liquidazione e il versamento del mese di maggio sulla base delle registrazioni del mese di aprile

IVA: versamento della IV rata dell'IVA dovuta sulla base della dichiarazione annuale

I soggetti che hanno optano per la rateizzazione mensile dell'imposta a debito risultante dalla liquidazione annuale devono effettuare il relativo versamento maggiorato dell'interesse pari allo 0,33% mensile a decorrere dal 16 marzo 2016, esclusivamente mediante modalità telematiche.

Codice tributo 6099 – versamento IVA sulla base della dichiarazione annuale.

IRPEF: ritenute alla fonte su redditi di lavoro autonomo

I soggetti che hanno corrisposto compensi per prestazioni di lavoro autonomo devono effettuare il versamento delle ritenute operate a maggio 2016, Codice tributo – 1040.

IRPEF: altre ritenute alla fonte

Versamento delle ritenute operate a maggio 2016 relative a:

– rapporti di commissione, agenzia, mediazione e rappresentanza di commercio – Codice tributo 1038
– contratti di associazione in partecipazione con apporto di lavoro – Codice tributo 1040
– contratti di associazione in partecipazione con apporto di capitale o misto – Codice tributo 1030
– prestazioni derivanti da contratti d'appalto/d'opera effettuate nell'esercizio di impresa o da attività commerciali non abituali, nei confronti di condomini

– Codice tributo 1019 (ritenuta a titolo d'acconto dell'IRPEF)
– Codice tributo 1020 (ritenuta a titolo d'acconto dell'IRES)

Modello Unico 2016 – persone fisiche

Termine entro il quale effettuare i versamenti relativi a:

– IRPEF – saldo 2015 e primo acconto 2016
– addizionale regionale all'IRPEF – saldo 2015
– addizionale comunale all'IRPEF – saldo 2015 e acconto 2016
– acconto 20% dell'imposta dovuta per i redditi a tassazione separata
– saldo IVA 2015 con maggiorazione ( 0,4% per mese o frazione di mese dal 16 marzo 2016)
– imposta sostitutiva regime contribuenti minimi del 5% saldo 2015 e primo acconto 2016
– imposta sostitutiva contribuenti forfetari "start-up" del 5% saldo 2015 e primo acconto 2016
– imposta sostitutiva contribuenti forfetari del 15% saldo 2015 e primo acconto 2016
– imposta sostitutiva del 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni esistenti al 31/12/2015 da quadro EC
– contributi IVS – saldo 2015 e primo acconto 2016
– contributi gestione separata INPS – saldo 2015 – primo acconto 2016
– cedolare secca – saldo 2015 e primo acconto 2016
– contributo di solidarietà del 3% dovuto dai titolari di un reddito complessivo superiore a euro 300.000
– IVIE (saldo 2015 e primo acconto 2016)
– IVAFE (saldo 2015 e primo acconto 2016)

Modello Unico società di persone

Termine entro il quale effettuare i versamenti relativi a:

– saldo IVA 2015 con maggiorazione (0,4% per mese o frazione di mese dal 16 marzo 2016)
– imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni esistenti al 31/12/2015 da quadro EC
– imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale a seguito di operazioni straordinarie effettuate nel 2014 e 2015
– imposta sostitutiva del 16% (unica soluzione) dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni immateriali a seguito di operazioni straordinarie ex art. 15, DL n. 185/2008.

Modello Unico società di capitali ed enti commerciali

Termine entro il quale effettuare, da parte dei soggetti con esercizio coincidente con l'anno solare, i versamenti relativi a:

– saldo IVA 2015 con maggiorazione (0,4% per mese o frazione di mese dal 16 marzo 2016)
– IRES – saldo 2015 e primo acconto 2016
– IRES – maggiorazione del 10,50% delle società di comodo – saldo 2015 e primo acconto 2016
– imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni esistenti al 31/12/2015 da quadro EC
– imposta sostitutiva 12-14-16% dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale a seguito di operazioni straordinarie effettuate nel 2014 e 2015
– imposta sostitutiva del 16% (unica soluzione) dovuta per il riallineamento del valore civile e fiscale dei beni immateriali a seguito di operazioni straordinarie ex art. 15, DL n. 185/2008

Modello IRAP 2016

La Legge n. 244 del 2007 ha previsto, a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007, l'obbligo di presentare – entro gli stessi termini di presentazione del Modello Unico – la dichiarazione annuale dell'IRAP non più in forma unificata ed esclusivamente in via telematica.

Versamento dell'IRAP, saldo 2015 e primo acconto 2016 da parte di persone fisiche, società di persone, società di capitali ed enti non commerciali con esercizio coincidente con l'anno solare.

Studi di settore; adeguamento

Versamento dell'IVA dovuta sui maggiori compensi/ricavi da parte dei soggetti che si adeguano agli studi di settore per il 2015

– codice tributo 6494

e dell'eventuale maggiorazione del 3%

– codice tributo – 4726 per le persone fisiche
– codice tributo – 2118 per i soggetti diversi dalle persone fisiche

Diritto annuale CCIAA

Versamento del diritto annuale 2016 alla Camera di Commercio di appartenenza esclusivamente con modalità telematiche per i titolari di partita Iva, codice tributo 3850 – Diritto camerale

Rivalutazione beni d'impresa

Versamento dell'imposta sostitutiva del 12% per i beni non ammortizzabili e del 16% per i beni ammortizzabili, per la rivalutazione dei beni d'impresa e delle partecipazioni riservata alle società di capitali ed enti non commerciali effettuata nel bilancio 2015 e per l'eventuale affrancamento del 10% del saldo attivo ex art. 1, co. da 889 a 896 della finanziaria 2016.

IMU 2016: acconto

I proprietari o titolari di altro diritto reale di godimento su beni immobili devono versare la prima rata o unica soluzione dell'Imposta Municipale Propria dovuta per il 2016, tramite modello F24 utilizzando i seguenti codici tributo:

– 3912 – IMU su abitazione principale e relative pertinenze -Comune;
– 3913 – IMU per fabbricati rurali ad uso strumentale – Comune;
– 3914 – IMU per i terreni – Comune;
– 3915 – IMU per i terreni – Stato;
– 3916 – IMU per le aree fabbricabili – Comune;
– 3917 – IMU per le aree fabbricabili – Stato;
– 3918 – IMU per gli altri fabbricati – Comune;
– 3919 – IMU per gli altri fabbricati – Stato.

TASI 2016: acconto

I proprietari, titolari di altri diritti reali o detentori di immobili, devono versare la prima o unica rata dell'imposta dovuta per il 2016, utilizzando le aliquote e le detrazioni previste per l'anno 2015.

il versamento si effettua attraverso il modello F24, utilizzando i seguenti codici tributo:

– 3958 denominato “TASI – tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.”
– 3959 denominato “TASI – tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.”
– 3960 denominato “TASI – tributo per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.”
– 3961 denominato “TASI – tributo per i servizi indivisibili per altri fabbricati art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.”

Lunedì 27 giugno

IVA comunitaria: elenchi Intrastat mensili

 

 

Presentazione in via telematica degli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari di beni nonché delle prestazioni di servizi resi e ricevuti, registrati o soggetti a registrazione relativi al mese di maggio (soggetti mensili).

Giovedì 30 giugno

Modello Unico 2016 persone fisiche

I contribuenti persone fisiche che sono esclusi dall'obbligo di presentazione della dichiarazione Modello Unico 2016 per via telematica, possono presentarlo in forma cartacea presso un ufficio postale entro il 30 giugno.

5 per mille: iscrizione elenco beneficiari

Invio a mezzo raccomandata A/R o PEC, alla competente Direzione regionale dell'Agenzia delle Entrate, da parte dei legali rappresentanti dei soggetti iscritti nell'apposito elenco 2016, della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà attestante il possesso dei requisiti, unitamente alla copia del documento d'identità del sottoscrittore l'autocertificazione.

Per le associazioni sportive dilettantistiche la dichiarazione sostitutiva va inviata all'Ufficio territoriale del CONI nel cui ambito si trova la sede dell'associazione.

Accise autotrasportatori

Presentazione all'Agenzia delle Dogane dell'istanza per chiedere a rimborso il credito 2014 non utilizzato in compensazione entro il 31.12.2015.

IVA: acquisti da San Marino

Invio telematico della comunicazione degli acquisti, senza addebito dell'IVA, con operatori economici aventi sede a San Marino, annotate a maggio.

A tal fine va utilizzato il quadro SE contenuto nel modello di comunicazione polivalente (c.d. spesometro)

Rivalutazione terreni e partecipazioni

Versamento della terza rata dell'imposta sostitutiva dovuta per la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni non quotate posseduti, non in regime d'impresa all'1.1.2015 (Finanziaria 2015)

– codice tributo – 8056 per i terreni
– codice tributo – 8055 per partecipazioni non quotate.

Rivalutazione terreni e partecipazioni

Versamento della prima o unica rata dell'imposta sostitutiva dovuta per la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni non quotate posseduti, non in regime d'impresa all'1.1.2016 (Finanziaria 2016)

– codice tributo – 8056 per i terreni
– codice tributo – 8055 per partecipazioni non quotate.

Comunicazione contratti leasing / noleggio

Invio telematico della comunicazione dei dati riguardanti i contratti stipulati nel 2015 da parte:

– delle società di leasing per i contratti di leasing finanziario aventi oggetto immobili e mobili;
– degli operatori esercenti l'attività di locazione e/o noleggio di autovetture, caravan, unità da diporto e aeromobili.

In alternativa all'apposito modello di "Comunicazione contratti di leasing e di noleggio" poteva essere utilizzato il modello di comunicazione polivalente (c.d. spesometro).

IMU – TASI: dichiarazione

I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione delle imposte.

Pertanto le dichiarazioni IMU/TASI per l'anno 2015 devono essere presentate entro il 30/6/2016, al Comune in cui sono ubicati gli immobili.

Adempimenti di fine mese

IVA – Invio Dichiarazioni d'intento

A seguito dell'art. 20 del D.Lgs. "Semplificazioni", la comunicazione telematica delle dichiarazioni d’intento è effettuata direttamente dall'esportatore abituale.

Quest’ultimo, una volta ottenuta la ricevuta di presentazione telematica, dovrà consegnare al proprio fornitore ovvero in dogana, la dichiarazione d’intento unitamente alla ricevuta di presentazione.

In capo al cedente/prestatore (fornitore) è previsto:

– l'obbligo di riscontrare con modalità telematica l'avvenuta presentazione della dichiarazione d'intento da parte dell'esportatore abituale;
– riepilogare nella dichiarazione IVA annuale i dati delle dichiarazioni d’intento ricevute.

Al cedente/prestatore, che effettuerà cessioni/prestazioni prima di aver ricevuto da parte del cessionario/committente la dichiarazione d’intento con la relativa ricevuta di invio telematico all’Agenzia delle Entrate, sarà applicabile la sanzione amministrativa prevista per le operazioni “in mancanza della dichiarazione d’intento”, ovvero dal 100% al 200% dell’imposta.

Annotazione fatture intracomunitarie

Le fatture per gli acquisti intracomunitari devono essere annotate nel registro acquisti e in quello delle vendite entro il mese di ricevimento, oppure successivamente e comunque entro 15 giorni dal ricevimento e con riferimento allo stesso mese.

 


Notiziario Fiscale Numero #23

Fabbricati "Imbullonati": entro il 16 giugno la richiesta di revisione della rendita
5 per mille: aggiornati gli elenchi sul sito dell'Agenzia delle Entrate
Reverse charge per console, tablet Pc e laptop: niente sanzioni per i primi errori
IMU terreni: chiarimenti sull'esenzione da parte delle Finanze
Rateazione: riammissione se si paga la prima rata scaduta entro il 31 maggio
Super ammortamento fiscale: quando si applica
IVA: Nuova categoria di contribuenti ammessi al rimborso dell’IVA in via prioritaria
Il lavoratore autonomo che si avvale solo di una segretaria non paga l'IRAP
Studi di settore periodo d'imposta 2015: i chiarimenti delle Entrate
Aliquota IVA normale minima al 15% fino al 2017
Detrazione Irpef 50% sull’Iva per gli immobili dal costruttore nel 2016

 

Scadenziario – giugno 2016

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This