Torna all'elenco

A Pieve e Fiumalbo Poste a singhiozzo e non solo

«Il servizio delle Poste nella zona dell’Alto Appennino Modenese in questo periodo è diventato meno assiduo e rispetto allo scorso anno i giorni di apertura di diversi sportelli (specie nella zona di Pievepelago, Fiumalbo, ma anche in altri comuni della zona) sono calati o discontinui a causa, a quanto pare, dell’effetto Covid 19. Il tutto, però, avviene nell’estate in cui, proprio a causa del Covid, tante persone stanno riscoprendo le bellezze dell’Appennino per le proprie vacanze».

Moreno Migliori, segretario di Pievepelago e Fiumalbo interviene su un tema che ha un impatto sia sui residenti che sui turisti: “Il servizio postale è determinante, soprattutto per la fascia anziana della popolazione e chiediamo dunque alle Poste di prenderne atto e di ripristinare gli orari e le aperture degli anni scorsi, anche per evitare file e potenziali assembramenti che rischiano di crearsi. Purtroppo anche altri servizi non sono sempre garantiti nelle nostre zone e anche questo rappresenta un disagio per turisti e residenti. Crediamo sia importante tenere conto delle esigenze di tante persone che vivono e lavorano in queste aree, che sono splendide ma che scontano problemi legati alle difficoltà nei collegamenti e la lontananza dai servizi, oltre che dei turisti che, soprattutto quest’anno, le stanno riscoprendo. La valorizzazione del territorio passa anche da servizi adeguati, da un’attenzione a residenti, imprese e villeggianti che necessita del contributo di tutti i soggetti coinvolti, pubblici e privati”.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This