Torna all'elenco

Così alla scuola alberghiera scoprono il mondo del lavoro

Imparare a conoscere le “regole del gioco” del mercato del lavoro già sui banchi di scuola. Nasce da questa esigenza la nostra collaborazione con la Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni, che ha coinvolto 70 studenti del terzo anno dell’istituto.

Il parere della direttrice della scuola alberghiera Giovanna Cammelli

Quando ci siamo rivolti a Lapam per la docenza del modulo didattico riguardante il mercato del lavoro non pensavamo potesse avere una tale efficacia – spiega la direttrice Giovanna Cammelli –. L’idea era di far conoscere ai ragazzi quello che li attende nel prossimo futuro. Tra lezioni teoriche e simulazioni, i docenti Lapam sono riusciti a stimolare l’interesse degli studenti. Questo non solo coi contenuti, ma anche con i metodi didattici utilizzati, e hanno saputo coinvolgere i nostri ragazzi in modo straordinario.

In classe si è parlato di domanda e offerta con una panoramica a 360 gradi sul mercato del lavoro. Gli esperti hanno toccato temi come i servizi offerti dai centri per l’impiego, gli strumenti per la ricerca attiva del lavoro e il contratto di lavoro, con particolare riferimento sul contratto collettivo nazionale del settore.

Le simulazioni dei colloqui di lavoro con gli associati del territorio

Particolarmente apprezzate sono state le simulazioni, soprattutto quella del colloquio di lavoro, resa possibile dalla collaborazione con i ristoratori e gli albergatori locali:

I ragazzi si sono messi alla prova e sono rimasti entusiasti dell’esperienza, che completava l’intero percorso – afferma la professoressa Cammelli –. Ho avuto buoni ritorni anche dagli imprenditori del mondo della ristorazione che si sono prestati, anche a loro è servito questi tipo di confronto.

A fine mese gli studenti affronteranno l’esame per diventare operatore della ristorazione e per alcuni inizierà la carriera professionale:

Per questo è stato importante questo ciclo di lezioni condotte da Lapam – sottolinea la direttrice –. Per la nostra scuola, da sempre vicina al mondo del lavoro come confermano le 350 ore di stage obbligatorie per ogni studente, questo percorso rappresenta uno step estremamente utile, valorizzato dal contributo di Lapam.

Il responsabile sindacale Lapam, Daniele Casolari, sottolinea:

I contenuti di cui hanno parlato Monica Salvioli, del nostro Ufficio studi, e Nicola Boschetti e Barbara Storti dell’ufficio rapporti di lavoro, sono stati inerenti al mercato del lavoro tra domanda e offerta; al ruolo dei servizi offerti da Centri per l’impiego, agenzie interinali, informagiovani; agli strumenti di ricerca attiva del lavoro; al contratto di lavoro e alle sue tipologie, ai CCNL di settore; alle parti sociali; al curriculum e alla lettera di presentazione e alle simulazioni di colloqui di lavoro.

Per noi questo percorso è molto importante perché le imprese del settore faticano molto a reperire giovani preparati e orientati a questo lavoro. Abbiamo perciò coinvolto le cinque classi terze della del percorso di studi ‘Operatore della ristorazione’, per un totale di 80 ore, con il coordinamento di Elena Baraldi, nostra referente per i rapporti con le scuole. Abbiamo accettato con piacere la proposta per docenze specializzate e qualificate per il modulo sul mercato del lavoro e siamo molto soddisfatti del lavoro svolto.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate