Torna all'elenco

L’analisi del sistema economico del nostro ufficio studi sul 2022

20 Gennaio 2023

Il 2022 ha visto una robusta risposta delle imprese alle difficoltà. L’Emilia-Romagna è stata infatti la locomotiva d’Italia, con una crescita del Pil del 4,9%, crescita che però si differenzia tra settori, come sempre più dalla pandemia a oggi si può osservare. Il 2023 sarà un anno più incerto e difficile, tuttavia il segno più dovrebbe arrivare a sfiorare l’1%, segno che gli imprenditori del nostro territorio continuano a scommettere su se stessi.

Il presidente Gilberto Luppi commenta così i dati forniti dall’Ufficio Studi dell’associazione, che ha svolto un’analisi approfondita dello stato di salute delle imprese modenesi a fine 2022. Fondamentale nell’ultimo anno è stato l’apporto delle costruzioni, il cui valore aggiunto a Modena già nel 2021 superava il 2019 del 20%, per effetto del traino dei bonus edilizi. Il settore turistico, al contrario, ha visto un rimbalzo delle presenze del 36% nei primi 11 mesi del 2022, ma rimane tutt’ora al di sotto dei valori pre pandemia del 2019 (-0,8%). Il recupero completo del settore è previsto nel 2023.

I dati di contesto mantengono il segno più – riprende il presidente Luppi – tenendo presente però due dati da tenere in grande attenzione: da una parte l’inflazione che, dai segnali di questi ultimi giorni, dovrebbe comunque calare a causa della frenata dei costi energetici, dall’altro l’inevitabile calo delle costruzioni. Sarà importante mantenere la crescita dell’export manifatturiero, che anche nel 2022 ha fatto da traino per le nostre imprese.

Contesto economico

L’economia modenese nel corso del 2022 ha dovuto affrontare livelli di inflazione inediti. A dicembre Modena rileva una crescita dei prezzi al consumo del 12,3%, ancora più che in Emilia-Romagna (+11,6%) e Italia (+11,6%), con una accelerazione di ben 8,8 punti percentuali rispetto all’anno scorso.

Questa rincorsa dei prezzi è stata innescata dal comparto energetico: i prezzi di elettricità, gas e combustibili sono più che raddoppiati in un anno (+126,9%). Secondo la stima dell’Ufficio Studi il caro-bollette di elettricità e gas ha comportato per le micro e piccole imprese di Modena un aggravio di 381 milioni di euro di costi. Nonostante si preveda un rallentamento della corsa dei prezzi al primo trimestre del nuovo anno, il clima di incertezza contribuisce a deteriorare le previsioni sul Pil del 2023: a livello regionale si prevede un contenuto +0,8%, meno brillante del 2022 ma che permetterà comunque di superare del 4,1% i livelli del 2019 pre pandemia.

Sull’energia in particolare – sottolinea il segretario generale Carlo Alberto Rossi – stiamo implementando un ufficio specifico per consulenti che aiutino le imprese a ottimizzare i consumi e risparmiare, oltre a continuare a lavorare con il consorzio Cenpi. Inoltre l’impegno di Lapam è di lavorare per le comunità energetiche.

Export

L’export manifatturiero ha fornito un contributo positivo all’economia provinciale nei primi 9 mesi del 2022, segnando una crescita del 17,8% rispetto al 2021. Anche i settori prevalentemente composti da micro e piccole imprese, come tra gli altri moda, legno, alimentare, hanno avuto una crescita a doppia cifra del 14%. Tuttavia una parte significativa di questo incremento è determinata dall’aumento dei prezzi più che del volume esportato: le stime a livello nazionale per i settori di MPI parlano di un incremento in valore del 18,6% che si traduce in un aumento del volume, quindi dei prodotti effettivamente venduti, di un più modesto +3,5%.

La risposta di Lapam nei confronti delle imprese che lavorano con l’estero è molteplice – riprende Rossi, -. Penso all’ufficio bandi che propone diversi progetti di internazionalizzazione e anche al Match Impresa che ha preso il posto del Matching Day. Si tratta di una piattaforma digitale che abbiamo sviluppato per permettere uno scambio di prodotti e servizi tra imprese. Inoltre stiamo lavorando anche con altre piattaforme per ridurre le distanze e permettere alle piccole imprese di lavorare con l’estero.

Lavoro

Il mercato del lavoro, con gli ultimi dati regionali, mostra un ritardo nel recupero dei livelli pre pandemia (-2%) tutto da imputare al lavoro indipendente: rispetto al 2019 pre crisi il numero di dipendenti in regione è cresciuto dello 0,5% mentre gli indipendenti (autonomi, liberi professionisti e imprenditori) è calato parecchio, con un complessivo -11%. Nel frattempo a gennaio 2023 le imprese dell’industria e servizi prevedono di aver difficoltà a reperire quasi un lavoratore su due (il 46,4%).

Qui si inserisce il nostro progetto MyLapamJob – puntualizza Rossi – che fa incontrare domanda e offerta di lavoro, un servizio particolarmente prezioso in questo tempo. Oltre a questo va ricordato Lapam Crea Futuro, per inserire giovani neolaureati nel nostro gruppo di lavoro.

Credito

Resta critico il rapporto con le banche attuale e futuro. I prestiti concessi alle piccole imprese tornano a calare in regione dopo un periodo positivo (-1,6% a giugno 2022 rispetto all’anno precedente) per effetto della politica di stretta monetaria, che determinerà anche un aumento del costo del credito (a oggi i tassi sui prestiti alle micro e piccole imprese sono di 310 punti base superiori rispetto alle medio-grandi).

Rossi completa il ragionamento:

Abbiamo formato 200 consulenti strategici che possano aiutare gli imprenditori nella gestione delle aziende e che, in particolare, accompagnino le imprese nel rapporto con gli istituti di credito. Si tratta di uno sforzo imponente, anche sotto il profilo degli investimenti nel campo della digitalizzazione, che permette anche alle piccole imprese di farsi trovare pronte e di accedere più facilmente al credito.

Demografia imprese

Gli ultimi dati sulle imprese attive in provincia attestano un calo tendenziale sia del numero di imprese totali (-0,5% a novembre 2022) che tra le imprese artigiane (-1,4% al terzo trimestre 2022). Soffrono soprattutto i comparti manifatturiero e del commercio, mentre i servizi alle persone, tra cui i servizi di alloggio e ristorazione, crescono.

Il commento del presidente Luppi

Il commento del segretario generale Rossi

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali" This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate