Torna all'elenco

La burocrazia non va in vacanza: le imprese sprecano 238 ore all’anno

28 Giugno 2022

La burocrazia non va mai in vacanza e, anzi, spesso aumenta la sua pressione in particolare sulle imprese di piccole dimensioni. Ma qualche segnale di attenzione da parte della politica sembra finalmente esserci: Ridurre le complessità e il peso degli oneri fiscali è condizione fondamentale per accompagnare lo sviluppo delle imprese.

Oggi l’Italia ha il record negativo per la burocrazia fiscale: per districarsi tra scadenze e adempimenti alle micro e piccole imprese servono 238 ore l’anno, 56 ore in più rispetto alla media dei Paesi Ocse. Così Lapam Confartigianato, parlando in audizione alla Camera dei Deputati alla luce del Decreto legge recante misure in materia di semplificazioni fiscali (qui la notizia dedicata) e di rilascio del nulla osta al lavoro.

La nostra associazione nel valutare i contenuti del Decreto legge recentemente approvato, considera il provvedimento un primo passo, ma auspica sia arricchito da ulteriori misure ispirate ai principi di semplificazione contenuti nella legge delega di riforma del sistema fiscale approvata in questi giorni dalla Camera.

Le nostre proposte

Pensiamo al riordino in testi unici di tutte le disposizioni fiscali per tipologia di soggetto, stabilità delle disposizioni che impongono adempimenti fiscali, non retroattività delle disposizioni tributarie e costituzionalizzazione dello Statuto del contribuente. Inoltre, dato che la fatturazione elettronica consente un controllo puntuale delle singole posizioni dei contribuenti, è indispensabile abrogare una serie di onerosi e inutili adempimenti a carico delle imprese, come il regime IVA dello split payment e del reverse charge in edilizia, la ritenuta applicata sui bonifici che danno diritto a detrazioni d’imposta, l’obbligo di comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA, l’obbligo di rendere pubblici i contributi ricevuti dalla PA.

Chiediamo lo spostamento definitivo al 20 luglio del termine per il versamento delle imposte per i contribuenti per i quali sono elaborati gli Indicatori di affidabilità fiscale, l’abrogazione dell’intera disciplina delle società di comodo, semplificazioni in materia di dichiarazione IRAP modifiche alla disciplina in materia di esterometro.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate