Torna all'elenco

Crisi tipografie artigiane, servono sostegni concreti per il comparto

15 Dicembre 2020

“Alla crisi strutturale del settore si aggiunge una concorrenza dei servizi online che abbassano i prezzi a scapito della qualità. La tipografia artigiana, come l’abbiamo conosciuta, è sull’orlo del baratro e se non interverranno sostegni concreti finirà con lo scomparire, lasciando sul terreno molti posti di lavoro”.

Riccardo Cavicchioli, presidente Grafica e Comunicazione Lapam, commenta lo stato di salute della tipografia artigiana e la crisi di settore innescata dalla tecnologia digitale e aggravata dall’emergenza Covid-19: “Negli ultimi dieci anni la stampa tipografica ha risentito di una profonda crisi strutturale generata da un lato dall’inevitabile adattamento ad una congiuntura socio-economica sfavorevole e, dall’altro, alla rivoluzione digitale che ha stravolto tutta la filiera. Al brusco calo di investimenti in pubblicità e comunicazione determinato dalla crisi economica, si è andata ad affiancare un’offerta crescente di servizi sul web a prezzi estremamente concorrenziali, anche se spesso a scapito della qualità della prestazione, che ha costretto le tipografie tradizionali a puntare su elementi diversi, dalla velocità di consegna alla produzione dei formati fuori standard passando per la stampa di cataloghi, libri o riviste ‘di nicchia’, comunque una piccola percentuale delle commesse”.

Sostegno a un’eccellenza del made in Italy

Cavicchioli conclude: “A tutto questo dobbiamo aggiungere la progressiva dematerializzazione dell’informazione ha peraltro influenzato la sensibilità e i gusti dei consumatori, sempre più multimediali e orientati a prediligere lo schermo del tablet o dello smartphone rispetto ai supporti di lettura tradizionali e la situazione sanitaria in corso che ha ulteriormente accentuato la già spiccata tendenza delle nuove generazioni ad avvalersi di supporti alternativi a quelli cartacei sia a fini didattici che informativi. Proprio per questo urgono misure a sostegno di un settore in cui il made in Italy, al pari del design, della moda, o dell’arredamento, sa offrire maestranze e capacità riconosciute nel mondo”.

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This