Torna all'elenco

Il ‘Progetto Carpi’ sia condiviso. Disponibili al confronto con l’amministrazione

2 Febbraio 2021

Progetto Carpi’ è un’iniziativa dell’amministrazione comunale per promuovere proposte di ripartenza, da concretizzare entro il 2021. Il progetto è stato redatto con il supporto di quattro esperti: il professor Franco Mosconi, la dottoressa Paola Ruggiero, il professor Giovanni Carrosio e il professor Massimiliano Panarari. Il progetto, nelle intenzioni del Comune, dovrebbe aiutare ad affrontare in modo partecipato l’uscita dalla crisi. La nostra associazione, però, chiede un maggiore coinvolgimento delle forze economiche e sociali della città.

Chiediamo maggiore coinvolgimento

“Dopo diversi mesi di gestazione ha preso forma (o ci piacerebbe meglio dire ha cominciato a prendere forma) il Progetto Carpi presentato in Consiglio Comunale”.

Riccardo Cavicchioli, presidente Lapam Carpi, commenta il progetto presentato dall’amministrazione della città dei Pio: “Dopo un iniziale momento di confronto con i rappresentanti del mondo economico risalente a diversi mesi fa,  sono arrivate le note finali del documento elaborato dai quattro esperti incaricati a suo tempo dal Comune, presentate dal vicesindaco come ‘documento tecnico e non politico’, intendendo con questo che le proposte e le riflessioni contenute nell’elaborato dovranno poi prende forma in scelte precise di cui il mondo della  politica dovrà assumersi le proprie responsabilità. Quindi, se non abbiamo inteso male, le 190 pagine del Progetto Carpi sono da considerare suggerimenti per lo sviluppo della città, soprattutto sul suo versante economico ancora prevalente, il comparto moda, da cui prendere spunto per impostare le politiche territoriali e di settore per i prossimi anni”.

“In questo momento, senza essere potuti entrare nel merito del corposo documento reso pubblico da poco, come organizzazione di categoria particolarmente legata al territorio carpigiano vorremmo ribadire la nostra intenzione di poter dare un contributo nell’impostazione dei futuri provvedimenti, naturalmente nel doveroso rispetto dei ruoli istituzionali. Anzi, forse una più ampia condivisione non solo iniziale, ma anche nella valutazione delle tesi contenute nel documento finale, forse avrebbe reso più efficace il ruolo dei diversi attori economici presenti sul territorio. Prendendo per buone le argomentazioni del vice sindaco Gasparini sul fatto che il percorso di condivisione ricomincia da oggi, la nostra associazione ribadisce la sua piena disponibilità al confronto che auspichiamo possa iniziare nel più breve tempo possibile. La città e il comparto moda, in particolare, anche in virtù della difficile realtà che si è venuta a creare per la crisi pandemica in atto, necessitano di risposte adeguate e tempestive. Risposte per la situazione pesante di oggi, ma anche risposte di ‘visione’ per il domani che verrà”.

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This