Torna all'elenco

Lapam Confartigianato ribadisce il suo no al salario minimo

No alla Direttiva Ue e a qualsiasi intervento pubblico vincolante in materia di determinazione del salario, che è e deve restare di competenza esclusiva delle parti sociali.
Questa la posizione espressa dai rappresentanti di Confartigianato intervenuti oggi in audizione presso la Commissione Politiche dell’Unione Europea del Senato sulla proposta di direttiva europea relativa all’introduzione del salario minimo legale.

La “materia salariale deve continuare ad essere affrontata nel rispetto delle tradizioni degli ordinamenti nazionali e dell’autonomia delle parti sociali, e ciò per non compromettere il delicato equilibrio fra retribuzione, tutele contrattuali e competitività delle imprese che in Italia è garantito da oltre 70 anni da una contrattazione collettiva nazionale estremamente diffusa”.

In particolare – hanno ribadito i rappresentanti della Confederazione – nell’artigianato e nella piccola impresa la contrattazione collettiva, oltre a determinare salari rispettosi dell’art. 36 della Costituzione, è anche lo strumento che ha consentito di individuare soluzioni su misura per le esigenze organizzative e di flessibilità delle imprese, assicurando, nel contempo, importanti tutele collettive ai lavoratori, anche attraverso il proprio consolidato sistema di bilateralità”.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This