Torna all'elenco

Rifinanziata la Nuova Sabatini: il commento di Luppi

Il rifinanziamento della Nuova Sabatini rappresenta una buona notizia. Lo avevamo chiesto con forza e siamo soddisfatti della risposta del Governo.

Gilberto Luppi, commenta così l’intervento che rifinanzia, nelle norme del Decreto Lavoro, la Nuova Sabatini la legge che sostiene l’acquisto di macchinari e altri beni strumentali abbattendo i tassi di interesse e dando la possibilità alle imprese di ripartire con investimenti importanti.

Il nostro presidente sottolinea:

Anche nel nostro territorio questi contributi sono stati particolarmente ricercati, tanto che nei primi cinque mesi del 2021 il numero di pratiche che i nostri uffici hanno sbrigato ha praticamente pareggiato quelle di tutto il 2020, segno che le imprese sono pronte e hanno la capacità di afferrare la ripresa ma anche che è ancora più che mai necessario sostenerle: non dimentichiamo che la crisi pandemica non è ancora alle spalle e che alcuni comparti hanno pagato un prezzo pesantissimo. Il rifinanziamento della Nuova Sabatini recepisce le nostre richieste per valorizzare lo strumento di finanza agevolata più adatto a sostenere la crescita e la competitività delle imprese attraverso l’acquisto di nuovi beni strumentali, consentendo investimenti che altrimenti non potrebbero essere fatti.

Luppi ha poi commentato positivamente anche i provvedimenti del Governo che hanno portato alla sospensione del cashback e al rinvio della notifica delle cartelle esattoriali chiarendo però che:

per evitare una traumatica ripresa della riscossione coattiva a carico delle imprese, saranno necessarie misure finalizzate a scaglionare, in un lasso temporale congruo, le notifiche sinora sospese.

Infine la nostra associazione ha accolto con favore anche la misura varata per ridurre i costi energetici delle imprese attraverso la riduzione degli oneri per il finanziamento di impianti per la produzione di energia rinnovabile.

Luppi conclude: “Per evitare una traumatica ripresa della riscossione coattiva, ad esempio, saranno necessarie anche misure finalizzate a scaglionare, in un lasso temporale congruo, le notifiche sinora sospese. Bisogna dare tempo alle imprese di riprendersi, in modo da poter sostenere i pagamenti in un tempo dilazionato e più adeguato”.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This