Torna all'elenco

I numeri del food made in Modena: +12,9% rispetto i livelli pre-pandemia

La guerra in Ucraina sta producendo straordinarie tensioni sui prezzi delle commodities agricole, in particolare il mais e, in misura maggiore, il grano: Russia e Ucraina insieme rappresentano quasi il 30% delle esportazioni globali di grano.

Lo shock dei prezzi determinerà effetti di lungo periodo: secondo il Fondo monetario internazionale, nel 2023 i prezzi delle commodities alimentari rimarranno superiori del 7,5% sul 2021 e del 39,5% sopra ai livelli del 2019.

I dati, forniti dal nostro Ufficio studi, evidenziano le criticità sui prezzi del food e, di conseguenza, sui prezzi al consumo.

I dati di Modena

A marzo Modena registra un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari del 4,5%, in accelerazione rispetto al 3,7% di febbraio. Alle tensioni lungo le filiere globali alimentari, aggravate con lo scoppio della guerra, sono esposte le 745 micro e piccole imprese modenesi attive nel settore alimentare, che danno lavoro a 4.419 addetti, pari al 39,3% dell’occupazione del settore, nel quale è marcata la connotazione artigiana: sono 471 le imprese artigiane, con 2.526 addetti, pari ad oltre un quinto (22,4%) degli addetti del settore.

Il settore rappresenta il perno della filiera dell’agroalimentare italiano, a cui è dedicata Cibus 2022, la manifestazione che si tiene fino oggi a Parma, e che vede la partecipazione di Confartigianato Imprese Alimentazione e di alcune aziende nostre associate.

Nonostante il succedersi di pandemia, crisi energetica e accelerazione dei costi delle materie prime determinata dalla guerra in Ucraina, le imprese italiane della produzione alimentare hanno registrato una migliore performance rispetto ai competitor europei.

Negli ultimi dodici mesi a febbraio 2022 in Italia la produzione alimentare è del 2,3% superiore al corrispondente periodo pre-pandemia, facendo meglio dei produttori di Francia (+1,6%), Spagna (+1%) e di Germania (-0,1%).

L’Ufficio studi chiude la sua approfondita analisi con un dato confortante. Il food made in Modena si conferma protagonista sui mercati internazionali, con le esportazioni del 2021 che risultano del 12,9% superiori ai livelli pre-pandemia del 2019. Nel corso del 2021 la provincia di Modena ha infatti esportato prodotti alimentari per un valore complessivo di 1,4 miliardi di euro. I principali paesi partner, che assorbono complessivamente il 42,5% delle esportazioni dell’ultimo anno, sono Germania (in crescita del 4,7% sul livello del 2019), Stati Uniti (che fanno registrare un aumento del 2,5% sul 2019) e Francia (arrivata a un +2,7%).

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"
    This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate