Torna all'elenco

Riapertura Termini – Bando contributi per consulenza e formazione sulla digitalizzazione

Riapertura termini di presentazione della domanda – fino alle 21:00 di Mercoledì 31 Gennaio

 

Il bando, approvato con delibera del Consiglio camerale del 30/11/2017, prevede la concessione di contributo/voucher alle Micro, Piccole e Medie Imprese aventi sede legale e/o operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Modena per servizi di consulenza e formazione focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia Industria 4.0.

Interventi ammessi

Sono ammessi a contributo interventi per l'acquisizione di servizi di formazione e consulenza finalizzati all'introduzione delle seguenti tecnologie di innovazione digitale I4.0:

Elenco 1: utilizzo delle tecnologie di cui agli allegati A e B della legge 11 dicembre 2016, n. 232 e s.m.i. inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi e, specificamente:
– soluzioni per la manifattura avanzata
– manifattura additiva
– realtà aumentata e virtual reality
– simulazione
– integrazione verticale e orizzontale
– Industrial Internet e IoT
– cloud
– cybersicurezza e business continuity
– Big data e analytics

Elenco 2: utilizzo di altre tecnologie digitali propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1, limitatamente ai servizi di consulenza:
– sistemi di e-commerce
– sistemi di pagamento mobile e/o via Internet
– sistemi EDI, electronic data interchange
– geolocalizzazione
– sistemi informativi e gestionali (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, etc.)
– tecnologie per l'in-store customer experience
– RFID, barcode, sistemi di tracking
– system integration applicata all'automazione dei processi.

Fornitori dei servizi di formazione e consulenza

L'impresa dovrà avvalersi esclusivamente di uno o più fornitori tra i seguenti:
– centri di ricerca e trasferimento tecnologico, Competence center di cui al Piano Industria 4.0, parchi scientifici e tecnologici, centri per l'innovazione, Tecnopoli, cluster tecnologici ed altre strutture per il trasferimento tecnologico, accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali;
incubatori certificati di cui all'art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 e s.m.i. e incubatori regionali accreditati;
– FABLAB, definiti come centri attrezzati per la fabbricazione digitale che rispettino i requisiti internazionali definiti nella FabLab Charter;
 centri di trasferimento tecnologico su tematiche Industria 4.0 come definiti dal D.M. 22 maggio 2017 (MiSE);
– relativamente ai soli servizi di formazione, agenzie formative accreditate dalle Regioni, Università e Scuole di Alta formazione riconosciute dal MIUR, Istituti Tecnici Superiori;
– relativamente ai soli servizi di consulenza, start-up innovative di cui all'art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 e s.m.i. e PMI innovative di cui all'art. 4 del D.L. 24 gennaio 2015 n. 3, convertito, con modificazioni, dalla L. 24 marzo 2015, n. 33;
– relativamente ai soli servizi di consulenza, ulteriori fornitori a condizione che essi abbiano realizzato nell'ultimo triennio almeno tre attività per servizi di consulenza alle imprese nell'ambito delle tecnologie di cui all'art. 2, comma 3, Elenco 1 della parte generale del presente bando. Il fornitore è tenuto, al riguardo, a produrre una autocertificazione attestante tale condizione da consegnare all'impresa beneficiaria prima della domanda di voucher.

I fornitori dei servi di formazione e di consulenza non possono essere soggetti beneficiari della presente agevolazione

Contributo 

L'importo del voucher è fissato in max € 3.000,00 – oltre la premialità di € 250,00 relativa all'eventuale possesso del rating di legalità – ed è calcolato sulla base delle seguenti percentuali dei costi ammissibili:
– il 60% dei costi ammissibili se beneficiarie sono medie imprese (per ottenere il contributo massimo l'impresa dovrà sostenere costi per 5.000,00); 
– il 70% dei costi ammissibili, se beneficiarie sono micro o piccole imprese (per ottenere il contributo massimo l'impresa dovrà sostenere costi per 4.286,00).
voucher saranno erogati con l'applicazione della ritenuta d'acconto del 4% ai sensi dell'art. 28, comma 2, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600.

Tutte le spese devono essere sostenute a partire dalla data di presentazione della domanda fino al 120° giorno successivo alla data della Determinazione dirigenziale di approvazione della graduatoria delle domande ammesse a contributo. Per essere ammessi al contributo i progetti devono superare un importo minimo di investimento di € 2.000,00.

Modalità operativa

La trasmissione delle domande di contributo dovrà essere effettuata tra le ore 8.00 di Venerdì 1 dicembre 2017 fino alle ore 21.00 di Mercoledì 31 Gennaio 2018. La valutazione delle domande è prevista la procedura valutativa a sportello secondo l'ordine cronologico di presentazione della domanda.
domande di contributo, sulla base della modulistica predisposta e invio mediante la piattaforma Web Telemaco, dovranno essere inviate esclusivamente per modalità telematica, con firma digitale del legale rappresentante dell'impresa. 

La domanda dovrà essere composta da:
– il modello base della pratica telematica;
– il modulo di domanda;
– i preventivi di spesa;
– eventuale modello rating di legalità.

Informazioni

Per informazioni è possibile contattare: Ufficio Bandi Lapam Modena – secofin@lapam.eu

Allegati

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This