Torna all'elenco

Carpani sci, pezzi unici e su misura

Su misura e per durare

Carpani Sci nasce 11 anni fa a Vidiciatico, in provincia di Bologna, da un’idea di Filippo Carpani. «All’epoca Filippo produceva piastre – racconta il suo socio Matteo Brida – ma quando i grossi produttori hanno iniziato a vendere le loro, ha deciso di rivoluzionare il business e iniziare produrre sci».
scelta rischiosa che sta dando ragione a questa piccola azienda che, pur non avendo un e-commerce, esporta i propri prodotti dall’Europa al Giappone e che a settembre inaugurerà una nuova sede con annesso negozio.«La nostra idea wow è stata quella di personalizzare il prodotto, non solo graficamente, ma anche permettendo allo sciatore normale e non solo all’atleta, di scegliere ciò che più gli piace, lavorando su geometrie particolari, su durezze e materiali come ad esempio la fibra di lino abbinata al carbonio, piuttosto che leghe di alluminio leggere e resistenti».Qual è la tribù di clienti a cui vi rivolgete?
«Purtroppo lo sci da qualche anno è diventato uno sport per facoltosi. Quindi chi va in montagna saltuariamente preferisce il noleggio all’acquisto. La nostra nicchia invece è composta da iper appassionati, persone che fanno anche 20 o 30 giorni di sci all’anno e che vuole spendere bene».Che rapporto avete con il digitale?
«Gli strumenti digitali ci danno una grossa mano su due fronti: per la customizzazione del prodotto dal punto di vista grafico, così come per l’impiego di materiali sempre più prestazionali ed evoluti, capaci di resistere a sollecitazioni di ogni tipo e dal lato comunicativo. In questo senso i social network garantiscono una buona pubblicità con poca spesa e le recensioni di clienti soddisfatti sui forum dedicati o sulla nostra pagina Facebook sono davvero preziose. Cose piccole, ma che per noi vogliono dire tanto. Due ragazzi che sull’Appennino producono sci nell’Era digitale creano un gran tam tam». Siete artigiani e commercianti. Se poteste esprimere una richiesta all’ente pubblico per sostenere un’attività come la vostra, cosa chiedereste?
«Una bella domanda. La “guerra” dei prezzi con i colossi penalizza le piccole attività artigianali come la nostra, che avrebbero sicuramente bisogno di una mano. Pensiamo a un falegname che si mette a fare la guerra a Ikea, è surreale. Noi scegliamo di acquistare il legname in Italia, potremmo scegliere di acquistarlo all’estero già lavorato e pronto per essere inserito nello stampo dello sci, ma non vogliamo farlo. Vogliamo mantenere la nostra artigianalità e questo comporta dei costi più alti rispetto ai grandi produttori. È la nostra scelta. Certo sarebbe bello che qualcuno avesse un occhio di riguardo per noi. Soprattutto per chi come noi sceglie di vivere e lavorare in Appennino».Carpani Sci
della Casella 5, Vidiciatico (BO)

Richiesta Informazioni

Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

Sei già associato a Lapam Confartigianato? *

Please wait...

News correlate

Share This