Torna all'elenco

Carpi: Lapam firma il protocollo per il reinserimento di persone in difficoltà

Si chiama Volontariato per il lavoro l’innovativo progetto di collaborazione che ha visto la sottoscrizione di un accordo di collaborazione tra la nostra associazione, Fondazione Casa del Volontariato (FCV), ente per il sociale della Fondazione CR Carpi, Centro Servizi per il Volontariato di Modena (CSV), e altre otto organizzazioni: ASCOM Confcommercio, CNA, Coldiretti, Confagricoltura, Confcooperative, Confindustria Emilia, Legacoop Estense, Confesercenti, e Unione delle Terre d’Argine.

Scopo del progetto, nato da un confronto con il Tavolo Lavoro composto da Fondazione Casa Volontariato, Porta Aperta, Caritas Diocesana, Dedalo onlus e Cooperativa sociale Il Mantello, è quello di favorire un percorso di aiuto al reinserimento lavorativo e sociale di quelle persone che necessitano di accompagnamento al lavoro poiché si trovano in situazioni di disagio personale e o economico, talvolta anche solo temporaneo.

Gli obbiettivi del progetto

Il progetto che avrà una durata iniziale di due anni si rivolgerà a persone giovani in cerca di prima occupazione oppure over 50 in cerca di ricollocamento lavorativo, che dopo specifici percorsi di accompagnamento e di esperienze di volontariato saranno messi in contatto con le associazioni di categoria che potranno incrociare i relativi profili con le posizioni aperte ricevute dalle aziende associate. L’inserimento lavorativo vero e proprio avverrà tramite l’affiancamento di apposito tutor esterno in grado di intervenire in caso di imprevisti o eventuali problematiche.

Ma il protocollo firmato il 5 dicembre, non si limiterà a tutelare solo questo aspetto. L’obiettivo più ambizioso è infatti quello di dare il via a una collaborazione stabile e strutturata tra mondo profit e mondo no profit, anche rispetto ad altre tematiche quali la Responsabilità Sociale d’Impresa e la promozione dell’autoimprenditorialità. I firmatari si impegnano infatti a organizzare progetti e momenti formativi di approfondimento e presentazione di concrete esperienze di RSI rivolti alle imprese e agli Enti no profit.
ultimo, i sottoscrittori potranno promuovere campagne di reclutamento tra dipendenti e/o ex dipendenti pensionati che possano prestare ore di volontariato in favore dell’utenza o degli stessi volontari degli enti no profit.

Crediamo nel rapporto tra imprese e organizzazioni no-profit

A esprimere soddisfazione è il Presidente della nostra associazione di Carpi, Riccardo Cavicchioli: “Non possiamo che guardare positivamente a questo progetto, perché creare collegamenti stabili e più stretti tra il mondo del non profit a quello delle imprese è sempre più importante, anche in luce del fatto che le aziende sono ancora più consapevoli della propria responsabilità sociale, e del fatto che il loro operare è sì in vista del fatturato, ma anche dell’interesse del territorio in cui operano, da cui assorbono saper fare, creatività e conoscenze stratificate, e a cui restituiscono benessere e occupazione”.

“Ci sono due elementi che, a nostro avviso, conferiscono al progetto un particolare valore – gli fanno eco Paolo Zarzana, Nicola Marino e Monica Brunetti, rispettivamente Presidente CSV Modena, Presidente FCV e Referente del Tavolo lavoro FCV – ovvero il fatto che, da un lato, sia nato per tentare di trovare una risposta concreta a un’esigenza sbocciata dal basso, dall’altro perché tiene in considerazione il valore complessivo della persona, non soltanto cioè quello di fare tutto il possibile per permetterle di ottenere un indispensabile supporto economico, ma anche quello di restituirle dignità e fiducia in se stessa e nel proprio futuro.”

Per maggiori informazioni

Per cogliere questa opportunità, o richiedere maggiori informazioni, è sufficiente compilare questo modulo e sarete ricontattati.

Sei associato? *

Please wait...

News correlate

Share This