Torna all'elenco

Commercio: cosa stabilisce Regione Emilia Romagna per le festività del 25 aprile e 1° maggio

Con l’ordinanza del presidente della Regione Emilia-Romagna dell’11 aprile 2020 (leggi qui), in tutto il territorio Regionale non c’è più differenziazione tra prefestivi (sabati) e festivi, mentre c’è una misura più restrittiva per le festività del 25 aprile e del 1 maggio.                                                                                   

Nelle giornate di sabato 18 aprile e 2 maggio e nelle domeniche 19 aprile, 26 aprile e 3 maggio sono consentite le medesime attività consentite nei giorni feriali, ove non esercitate in medio e grandi strutture di vendita o in centri commerciali.

Sempre nelle giornate di sabato 18 aprile e 2 maggio e nelle domeniche 19 aprile, 26 aprile e 3 maggio sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali (di qualunque tipologia) presenti all’interno dei centri commerciali, ad esclusione delle farmacie, parafarmacie, edicole, tabacchi e punti vendita di generi alimentari, di prodotti per l’igiene personale e la pulizia ed igiene della casa e di articoli di cartoleria, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività.

Nei centri commerciali

Le medie e grandi strutture, nonché gli esercizi commerciali di qualunque tipologia all’interno dei centri commerciali, che vendano una pluralità di merceologie (a titolo esemplificativo: i supermercati), possono aprire nelle giornate di sabato 18 aprile e 2 maggio e nelle domeniche 19 aprile, 26 aprile e 3 maggio limitatamente alle aree di vendita di prodotti farmaceutici, parafarmaceutici, di stampa quotidiana e periodica, di generi alimentari, di prodotti per l’igiene personale e la pulizia ed igiene della casa e di articoli di cartoleria.

Le giornate del 24 e del 30 aprile vanno considerate ai fini di tali disposizioni quali giorni feriali.

Stop il 25 aprile e il 1°maggio

Nelle festività del 25 aprile e 1 maggio, ad esclusione di farmacie e parafarmacie, edicole e distributori di carburante, sono sospese tutte le attività di commercio al dettaglio e all’ingrosso, comprese le attività di vendita di prodotti alimentari.

Consegna a domicilio sempre consentita

È sempre consentita la vendita on line o su ordinazione con consegna a domicilio di qualsiasi genere merceologico fermo restando che al momento della consegna sia rispettata la distanza interpersonale di un metro.

Leggi anche le FAQ (domande frequenti) su attività e strutture turistiche e commerciali preparate da Regione Emilia Romagna,

News correlate

Share This