Torna all'elenco

Comune di Novellara : contributi per il commercio, la ristorazione e i servizi

Il Comune di Novellara ha pubblicato un bando per la concessione di contributi a fondo perduto per gli esercizi di vicinato del commercio, della ristoriazione e di alcuni settori dell'artiginato di servizio che sostengono spese di riqualificazione e ammodernamento della propria attività, di cui di seguito una breve sintesi:

Chi può presentare la domanda

Possono presentare domanda per ottenere il contributo gli imprenditori titolari di esercizi commerciale o artigianale di servizio, pubblico esercizio o ristorazione esistenti ed in attività, e che abbiano avviato la propria attività alla data del 31 dicembre 2017 (le attività avviate dopo tale data sono escluse dal bando).  L’impresa deve essere tutt’ora in attività per l’esercizio di attività commerciale e o artigianale di servizio, e localizzata nel centro urbano del capoluogo o delle frazioni del Comune di Novellara.

Tipologia di spese ammesse

Attività commerciale di vendita al dettaglio in sede fissa (d.lgs. 114/98) e attività di impresa artigiana di servizio (L. 443/1985 e successive modifiche) nei seguenti settori: produzioni alimentari tipiche artigianali (gelateria, yogurteria, gastronomia, pasticceria, etc.), lavorazioni artistiche e tradizionali,  acconciatori , estetisti, centri fitness, pubblici esercizi, ristorazione

Tipologia di imprese escluse

Armi, munizioni e materiale esplosivo, inclusi i fuochi d’artificio; vendita esclusiva attraverso distribuzione automatica; attività che detengono apparecchi per il gioco d’azzardo lecito quali slot machine o videolottery oltre alle sale gioco e le sale scommesse; attività di scommesse e gioco che comprendono – anche parzialmente apparecchi automatici e/o attività di “ inserimento dati informatici”; attività di “compro oro” ;

Obblighi assunti per i beneficiari del contributo

Non alienare per almeno due anni il bene acquistato a mezzo del contributo, mantenere la sede operativa dell’attività nel Centro Urbano per almeno due anni dalla data di erogazione del contributo, non cessare la attività per almeno due anni dalla data di concessione del contributo, nel caso di violazione di quanto sopra dovrà essere restituito l’intero importo percepito maggiorato degli interessi legali medi tempore maturati.

Requisiti di partecipazione

Risultare attive all’atto della domanda e della rendicontazione, risultare in regola con il DURC e le iscrizioni al Registro delle Imprese e/o REA e agli Albi, Ruoli e Registri Camerali per le relative attività, non essere sottoposte a procedure concorsuali o liquidazione e non trovarsi in stato di difficoltà (ai sensi della Comunicazione della Commissione Europea 2004/C244/02), essere in regola rispetto alle disposizioni contenute nelle normative e nei protocolli di legalità.

Spese ammissibili a contributo 

Sono ammesse a finanziamento le seguenti spese a condizione che siano finalizzate all’abbellimento estetico ed all’ammodernamento dell’unità locale e che siano state sostenute dopo la data di apertura del presente bando:
) Lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria per l’ammodernamento dei locali, degli arredi e delle vetrine ivi compresi i tinteggi;
) Acquisto di beni strumentali nuovi volti a valorizzare il locale, la sua immagine o il servizio reso;
ammesse a rendicontazione soltanto le spese relative a fatture corredate da ricevute di pagamento, emesse dopo la partecipazione al bando (si intende la data di invio della Domanda di partecipazione) sino al 31 dicembre 2018.

Spese escluse

Acquisto di software, programmi informatici, tecnologie ed altre applicazioni inerenti l’attività d’impresa, pc, stampanti, telefoni cellulari, autovetture, ciclomotori, registratori di cassa e similari, elettrodomestici, stoviglie, ed in ogni caso beni di consumo non durevoli, bolli, spese bancarie, interessi, IVA ed ogni altra imposta, arredi esterni ed insegne;

Misura del Contributo 

Il contributo è concesso nella misura del 50% della spesa sostenuta e ritenuta ammissibile, al netto dell’IVA. E’ previsto un importo minimo dell’investimento pari ad €. 2.000,00 + IVA. Il massimo contributo concedibile è di €. 3.000,00.

Nota bene

Il contributo verrà erogato in base all’ordine di arrivo delle domande attestato dal protocollo dell’Ente, complete ed idonee, sino ad esaurimento dello stanziamento complessivo previsto nel presente bando per l’erogazione dei contributi.

Tempistiche di realizzazione degli investimenti

I soggetti beneficiari del contributo, dovranno ultimare l’intervento ammesso a contributo, entro il 31 dicembre 2018 e dovranno presentare al Comune, entro il termine massimo del 31 gennario 2019, pena la revoca della concessione la documentazione di rendicontazione

Per maggiori informazioni e per la presentazione delle domande

Sabrina Mazzali
Ufficio Sviluppo
: sabrina.mazzali@lapam.eu – Telefono: 335 5490779

Stefano Gelmuzzi
CAT Feasa Licom Lapam
.gelmuzzi@lapam.eu – Telefono: 059 893340

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This