Torna all'elenco

Concessione contributi alle imprese artigianali e commerciali del Frignano

L’Unione dei Comuni del Frignano, unitamente ai Comuni di Fanano, Fiumalbo, Lama Mocogno, Montecreto, Pavullo nel Frignano, Pievepelago, Polinago, Riolunato, Serramazzoni e Sestola, ha costituito apposito fondo finalizzato all’abbattimento del tasso di interesse su finanziamenti attivati o da attivarsi da parte delle imprese commerciali, delle imprese artigianali e delle microimprese di produzione di beni e servizi del territorio dell’Unione.

Bando commercio

Le imprese beneficiarie possono essere:

  • commercio in sede fissa,
  • di somministrazione di alimenti e bevande,
  • turistico – ricettive,
  • commercio ambulante a posteggio fisso con sede nel territorio,

che abbiano una sede operativa e/o un’unità locale nel territorio dei comuni interessati facenti parte dell’Unione.

Per l’individuazione dei beneficiari ai fini dell’ammissibilità ai contributi previsti dal presente bando, si fa riferimento esclusivamente all’attività prevalente per la quale l’impresa risulta iscritta presso la CCIAA, classificata secondo i codici Istat ATECO 2007.

Non possono essere ammesse a beneficiare dei contributi previsti dal presente bando le imprese che, pur avendo sede legale nel territorio dei Comuni dell’Unione, operano esclusivamente al di fuori di esso.

Condizioni per l’ammissibilità a contributo

  • Il contributo ammissibile si riferisce ad un mutuo della durata massima di n°60 mesi;
  • Importo minimo del mutuo ammissibile a contributo: € 10.000,00 per azienda;
  • Importo massimo del mutuo ammissibile a contributo:: € 50.000,00 per azienda;
  • Tasso di riferimento per il calcolo del contributo che viene calcolato con riferimento al tasso di interesse applicato dall’Istituto di Credito all’atto di stipula del contratto di finanziamento.

Qualora un’impresa sia in possesso dei requisiti per rientrare sia tra i beneficiari individuati dal presente bando, sia tra quelli individuati dal bando rivolto alle imprese artigianali e microimprese di produzione di beni e servizi, potrà presentare una sola domanda di contributo in alternativa su uno o sull’altro bando.

È invece consentito che un’impresa presenti domanda riferita alla realizzazione di due o più tipologie di interventi tra quelli previsti dal presente bando, eventualmente attivati anche attraverso finanziamenti diversi, fermo restando che l’importo complessivo finanziabile non potrà superare il limite massimo ammissibile a contributo fissato dal bando stesso.

I contributi erogati a valere sul presente bando non sono cumulabili con altri contributi erogati da soggetti pubblici o privati per lo stesso intervento e sono in regime di de minimis.

Le imprese in possesso dei requisiti previsti dal presente bando possono essere ammesse a beneficiare del contributo anche qualora i finanziamenti siano attivati per importi e/o durata superiori a quelle sopra indicate, fermo restando che in tale ipotesi il contributo verrà calcolato rapportandolo ai parametri massimi specificati.

Bando imprese artigianali e microimprese produzione beni e servizi

Le imprese beneficiarie possono essere:

Imprese artigianali e microimprese di produzione di beni e servizi che abbiano una sede operativa e/o un’unità locale nel territorio dei suddetti Comuni facenti parte dell’Unione dei Comuni del Frignano.

Rientrano nella categoria delle microimprese di produzione di beni e servizi le imprese in possesso contemporaneamente dei
seguenti requisiti:

  • occupano meno di 10 dipendenti,
  • realizzano un fatturato annuo o, in alternativa, un totale di bilancio annuo non superiore a due milioni di euro).

Per l’individuazione dei beneficiari ai fini dell’ammissibilità ai contributi previsti dal presente bando, si fa riferimento all’attività prevalente per la quale l’impresa risulta iscritta presso la CCIAA (classificata secondo i codici Istat ATECO 2007) .

Non possono essere ammesse a beneficiare dei contributi previsti dal presente bando:

  • le imprese che pur avendo sede legale nel territorio dei Comuni dell’Unione operano esclusivamente al di fuori di esso,
  • le imprese agricole,
  • le imprese operanti nel settore del trasporto per conto di terzi per quanto concerne l’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada.

Anche in questo caso, qualora un’impresa sia in possesso dei requisiti per rientrare sia tra i beneficiari individuati dal presente bando, sia tra quelli individuati dal bando rivolto al commercio, potrà presentare una sola domanda di contributo in alternativa su uno o sull’altro bando.

È invece consentito che un’impresa presenti domanda riferita alla realizzazione di due o più tipologie di interventi tra quelli previsti dal presente bando, eventualmente attivati anche attraverso finanziamenti diversi, fermo restando che l’importo complessivo finanziabile non potrà superare il limite massimo ammissibile a contributo fissato dal bando stesso.

I contributi erogati a valere sul presente bando non sono cumulabili con altri contributi erogati da soggetti pubblici o privati per lo stesso intervento e sono in regime di de minimis.

Condizioni per l’ammissibilità a contributo

  • Il contributo ammissibile si riferisce ad un mutuo della durata massima di n°60 mesi;
  • Importo minimo del mutuo ammissibile a contributo: € 10.000,00 per azienda;
  • Importo massimo del mutuo ammissibile a contributo:: € 60.000,00 per azienda;
  • Tasso di riferimento per il calcolo del contributo che viene calcolato con riferimento al tasso di interesse applicato dall’Istituto di Credito all’atto di stipula del contratto di finanziamento.

Le imprese in possesso dei requisiti previsti dal presente bando possono essere ammesse a beneficiare del contributo anche qualora i finanziamenti siano attivati per importo e/o durata superiori a quelle sopra indicate, fermo restando che in tale ipotesi il contributo verrà calcolato rapportandolo ai parametri massimi specificati.

Modalità e termini per la presentazione delle domande

Le domande devono essere redatte sul fac-simile allegato al presente bando, disponibile presso l’Unione dei Comuni del Frignano, le Associazioni di Categoria e sul sito internet.

Le domande, accompagnate da un documento di identità valido del richiedente, dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo dell’Unione dei Comuni del Frignano, tassativamente entro il giorno 29 ottobre 2021, esclusivamente con una delle seguenti modalità:
• A mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo pec@cert.unionefrignano.mo.it;
• Tramite consegna diretta presso l’ufficio dell’Unione di Comuni del Frignano (previo appuntamento telefonico a uno dei numeri 0536 327533 – 0536 327548);
• Tramite il servizio postale: si precisa che per le domande inviate tramite posta non fa fede il timbro postale ma quello di protocollo, pertanto il loro recapito rimane ad esclusivo rischio del mittente.

Alla domanda va obbligatoriamente allegato, pena esclusione, il piano di ammortamento del mutuo (qualora lo stesso sia già stato stipulato) o in alternativa (per i mutui ancora da stipulare) una proposta del piano di ammortamento rilasciata dell’Istituto di Credito. In quest’ultima ipotesi il piano di ammortamento definitivo dovrà essere presentato all’Unione entro il 6 dicembre 2021 con una delle modalità indicate per la presentazione della domanda.

Per approfondire

I singoli bandi e la relativa modulistica sono pubblicati anche sul sito dell’Unione e la signora Cristina Rubbiani è a disposizione per ogni eventuale chiarimento al numero 0536 327542 e alla mail crubbiani@unionefrignano.mo.it fino alla scadenza di presentazione prevista per il 29 ottobre 2021.

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This