Torna all'elenco

Lapam Benessere: “Riaprire garantendo la sicurezza. Oggi proliferano gli abusivi”

“Consentire la riapertura delle imprese di acconciatura e dei centri estetici in piena sicurezza. Oggi l’abusivismo, come purtroppo era prevedibile, sta aumentando a livelli esponenziali e con esso i rischi di contagio. È necessario consentire la riapertura delle imprese del settore condizionata all'applicazione di misure igienico-sanitarie e di modalità di lavoro che garantiscano la sicurezza e la tutela della salute dei clienti, degli imprenditori e dei loro dipendenti”.

Giancarlo Santunione, presidente Lapam Benessere, mette in chiaro la situazione di uno dei comparti più penalizzati dall’emergenza sanitaria, con il triste corollario della crescita degli abusivi:
“Molte sanzioni sono state elevate nei confronti di soggetti che, approfittando dell’impennata della richiesta, hanno continuato ad erogare servizi presso il proprio domicilio o presso quello del cliente, aggravando le carenze dal punto di vista igienico-sanitario con il rischio di contagio. Purtroppo questa è soltanto la punta di un iceberg enorme. Si tratta, verosimilmente, di chi già esercitava l'attività in forma abusiva, in assenza delle prescrizioni di legge sia sul piano formativo che igienico-sanitario e che rappresenta ancor più in questo momento un serio rischio per la salute dei cittadini, oltre che danneggiare ulteriormente sul piano economico le aziende in regola. Parallelamente, si è registrata un’allarmante diffusione di iniziative avviate da produttori/fornitori che, in nome dei più disparati protocolli da adottare alla riapertura, offrono prodotti e/o presidi a prezzi maggiorati fino a 10 volte il normale prezzo di vendita”.

Una situazione pesantissima per le aziende regolari. Per questo Lapam Benessere mette sul campo una serie di proposte di carattere organizzativo e igienico-sanitario.

“Dal punto di vista organizzativo – puntualizza Santunione – è necessario svolgere attività esclusivamente su appuntamento, con un solo cliente per operatore, con organizzazione di orari e turnazione del personale. Sotto il profilo igienico-sanitario è obbligatorio l'utilizzo di mascherina e guanti, di occhiali protettivi o visiera in plexiglass per i trattamenti per i quali non può essere garantita la distanza interpersonale di un metro, igienizzare le postazioni di lavoro dopo ogni trattamento, disinfestare i servizi igienici dopo ogni utilizzo, utilizzare materiali monouso e lavaggio a temperatura adeguata e con prodotti igienizzanti dei materiali in tessuto, posizionare soluzioni disinfettanti all’ingresso e in corrispondenza di tutte le postazioni lavoro, a disposizione di operatori e clientela. Inoltre – conclude il presidente Lapam Benessere – per i centri estetici anche l'utilizzo di soprascarpe monouso, di camici monouso o con lavaggio giornaliero degli indumenti ad alta temperatura con prodotti igienizzanti, accurata detersione dei lettini con ipoclorito di sodio-candeggina o alcool denaturato, e arieggiamento della cabina dopo ogni trattamento”.

 

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This