Torna all'elenco

Lapam Costruzioni, confronto con l’assessore Vandelli

“Serve un provvedimento ‘bazooka’ che sostenga il settore edile: la crisi del 2008 è stata peggiore di quella del 1929 e a distanza di 12 anni il comparto costruzioni è ancora ben al di sotto dei livelli pre crisi”.

Lapam Costruzioni ha incontrato l’assessore a urbanistica, pianificazione e sviluppo sostenibile del Comune di Modena Anna Maria Vandelli. L’incontro ha seguito quello col sindaco Muzzarelli nel quale erano emerse esigenze di approfondire gli indirizzi dell’amministrazione comunale per la redazione e futura approvazione del Pug, il piano urbanistico generale. Alla riunione era presente il consiglio di categoria Lapam Costruzioni e alcuni tecnici e professionisti associati.

L’assessore ha presentato l’iter di consultazione con l’apertura della ‘conferenza del quadro conoscitivo’ al termine della quale verrà redatta una relazione divulgativa. Nel frattempo l’amministrazione provvederà a dare un incarico per la redazione del Pug. Tra le iniziative di consultazione saranno attivati alcuni tavoli tematici entro il mese di ottobre 2020: uno dedicato alle aree agricole, uno al centro storico e altri di contenuto mirato, tra questi Lapam ha proposto di inserire il tema della riqualificazione delle aree industriali e commerciali già oggetto nei mesi scorsi di confronto, oltre a un tavolo ad hoc sulla semplificazione delle procedure. L’adozione del piano è previsto per la fine del 2021, con approvazione definitiva nel 2022. L’assessore ha spiegato come il tema di fondo su cui lavorare sia quello della qualità ecologica e ambientale, per questo si ragionerà delle aree urbane, del piano della mobilità e delle connessioni tra le diverse zone della città (in termini di ciclabili, parcheggi, aree verdi…).

Aspetto centrale e di grande interesse è infine il principio di flessibilità delle destinazioni d’uso, una rivoluzione concettuale per la quale il principio generale alla base del nuovo Pug sarà una indicazione precisa di ciò che non è permesso fare, lasciando margini di proposta ed elaborazione da parte dei privati nella progettazione e rigenerazione.

“Se si considera la scelta del consumo di suolo zero, comprensibile e in alcuni comuni assolutamente obbligata – chiosa Lapam Costruzioni -, dobbiamo lavorare solo sulla rigenerazione urbana, sfida affascinante ma difficile, che costringe tutti, amministrazioni e imprese, a porsi in modo completamente nuovo rispetto al passato”.
 
Visti i tempi lunghi di elaborazione e approvazione del Pug, Lapam ha chiesto come gli operatori del settore possano operare in questa fase, la risposta dell’assessore è stata quella di approfittare degli strumenti dello ‘Sblocca Modena’, che possono dare una prima risposta anche se non ancora articolata e completa come sarà dopo l’adozione del Pug. A proposito del rapporto tra pubblica amministrazione e professionisti, infine, l’auspicio di Lapam è di poter aprire un dialogo preventivo e costruttivo per valutare misure alternative e migliorative in fase progettuale, sempre nell’ottica dei principi ambientali e di sostenibilità.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This