Torna all'elenco

“Riconosci la violenza” – 25 Novembre: Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne

25 Novembre 2014

"Riconosci la violenza"

In occasione del 25 novembre, Giornata mondiale per l'eliminazione della violenza contro le donne indetta dall'ONU, il Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio adotta la campagna “Riconosci la violenza”. La campagna è stata realizzata gratuitamente da un gruppo di professioniste da sempre impegnate su questi temi.

La campagna è partita lunedì 18 novembre con affissioni in tutta Italia e presenza sul web. Da lunedì 25 novembre sarà presente anche sui quotidiani nazionali e sulla stampa periodica – fino alla seconda metà di dicembre – e uno spot televisivo viaggerà sulle reti Rai e Sky, sui canali Real Time, Dmax, Focus e Giallo, sui video circuiti di Grandi Stazioni e Cento Stazioni, sui video di bordo Frecciarossa e video FrecciaClub e i canali di Enel.

Verrà poi ripresa nel corso del 2014 in due distinti periodi di pianificazione, in particolare durante la primavera e l’autunno,  garantendo così un’esposizione continuativa nell’arco di dodici mesi. Inoltre la campagna intende puntare sulla forza virale del messaggio sfruttando la libera circolazione in Rete.

La Vice Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali con delega alle Pari Opportunità, prof. Maria Cecilia Guerra, commenta: "Abbiamo scelto questa campagna perché si pone in modo chiaro, non vittimista e costruttivo il problema della violenza di genere. Siamo orgogliose di diffondere una campagna fatta propria anche dall'ONU in un documento importante sulle buone pratiche suggerite alle nazioni aderenti. Recentemente la campagna è stata adottata e tradotta in spagnolo dallo Stato del Messico per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne 2013. Questa campagna ha incontrato il favore di importanti società di primario interesse nazionale che offrono servizi essenziali per la collettività, come Enel e Ferrovie dello Stato, unitamente a SKY e Discovery Channel, che si sono rese disponibili a ospitarla, sostenerla e diffonderla".

Nel corso di un incontro a Washington il 19 e 20 novembre scorso la Vice Ministro Guerra, accompagnata dal Capo Del Dipartimento per le Pari Opportunità, Cons. Ermenegilda Siniscalchi, ha presentato la campagna; in questa occasione il Consiglio d'Europa ha manifestato l’interesse ad utilizzarla.

La campagna "Riconosci la violenza" prevede una serie di quattro diversi soggetti i cui protagonisti sono quattro diverse coppie di uomini e donne abbracciati. L’uomo però ha il volto oscurato, reso irriconoscibile da un grande rettangolo nero, su cui leggiamo un invito rivolto a ogni donna: “La violenza ha mille volti. Impara a riconoscerli”.  Il significato è chiaro: le donne devono trovare il coraggio di abbandonare la maschera forzata di accettazione e accondiscendenza che spesso vengono costrette ad indossare, devono uscire dal finto abbraccio protettivo dei loro compagni violenti, e capire con chi hanno a che fare già alla prima avvisaglia di violenza. È un invito a guardare meglio, più lucidamente, chi si ha accanto. Ogni immagine è accompagnata poi da diversi titoli che nella loro semplicità mirano a fornire consigli concreti su come prevenire e reagire di fronte ai primi segni di violenza.

 

Il servizio telefonico 1522 rappresenta lo snodo operativo delle attività di contrasto alla violenza di genere e stalking. Ponendosi alla base della metodologia del lavoro "di rete", assume il ruolo di strumento tecnico operativo di supporto alle azioni realizzate dalle reti antiviolenza locali, chiamate a contrastare il fenomeno della violenza di genere, garantendone, al contempo, i necessari raccordi tra le Amministrazioni Centrali competenti nel campo giudiziario, sociale, sanitario, della sicurezza e dell'ordine pubblico.

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This