Torna all'elenco

Riparazioni a regola d’arte, a che punto siamo?

24 Dicembre 2019

Sottoscritto al CNEL lo scorso maggio da Confartigianato, Ania, Cna, Casartigiani e le associazioni dei consumatori, l’accordo sulle linee guida per la definizione degli standard minimi per la riparazione a regola d’arte e le raccomandazioni per un servizio di qualità nell’ambito delle RC Auto, attua la legge 124/2017.

L’obiettivo è quello di migliorare i rapporti tra i diversi attori, ricordare la piena autonomia del consumatore nello scegliere la carrozzeria di fiducia, velocizzando i tempi di comunicazione tra le parti e la gestione del sinistro con il relativo pagamento, garantendo sempre un elevato standard di servizio e trasparenza a tutela del consumatore e valorizzando il ruolo del carrozziere.

Il 30 ottobre i vertici delle associazioni degli autoriparatori di Confartigianato, Cna, Casartigiani sono intervenuti in audizione alla commissione Finanze della Camera sulla proposta di legge in materia di definizione dei premi relativi all’assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore.
caso di sinistro, grazie alle riparazioni a regola d’arte si può contare su qualificati servizi di riparazione, effettuati in tempi certi e a costi chiari e su semplici procedure di liquidazione dei danni con l’obiettivo di diminuire i contenziosi e di conseguenza le tariffe RC auto, oltre che nell’avere veicoli più sicuri. Aspetti questi che andranno adeguatamente pubblicizzati dal Ministero dello Sviluppo Economico, come già previsto dalla legge di riforma della Rc Auto.

Infine giovedì 7 novembre a Bologna si è svolto il consiglio regionale della categoria carrozzerie Confartgianato per discutere, insieme ai funzionari delle diverse province, alcuni titolari di carrozzerie e il presidente regionale di categoria Antonio Malpeli, dello stato di avanzamento delle linee guida, è stato ribadito come queste siano uno strumento dinamico e ancora in fase di modifiche che erano anni che non si riusciva ad avere un dialogo tra le parti e che sono un primo step di avvicinamento, con queste si ha uno strumento in più per applicare la legge 124/2017 e per fare in modo che il cliente venga a conoscenza della possibilità di poter scegliere la carrozzeria di fiducia (non solo quelle convenzionate con le assicurazioni) attraverso una mappatura dentro a un’App, pronta nel 2020, di tutte le carrozzerie che vogliono aderire (la quale verrà adeguatamente pubblicizzata) dove si potrà avere anche una tracciatura degli interventi effettuati.

Si è discusso della necessità di realizzare un “tempario” condiviso a livello nazionale e che verrà creata una commissione per verificare il corretto funzionamento ed applicazione dello strumento.

L'Approfondimento

Emilia Romagna ci sono 507 autovetture per ogni officina di autoriparazione, è il dato che emerge dall’edizione 2019 del libro “L’autoriparazione ed i suoi protagonisti” edito dall’osservatorio Autopromotec. Questo dato rappresenta la media di autovetture disponibili per ogni officina di autoriparazione (Meccanici, gommisti, elettrauto, carrozzerie, officine nei concessionari) nell’Emilia Romagna, superiore alla media nazionale che si attesta su 469 autovetture per officina. Infatti in Emilia Romagna nel 2018 erano presenti 2.879.926 autovetture in relazione a 5.680 officine di autoriparazione, su scala nazionale si parla di un parco circolante superiore a 39 milioni di veicoli a fronte di 83.231 officine, in leggera crescita rispetto l’anno precedente (+0.1%) con un rapporto di 469. Le Regioni che si discostano più significativamente rispetto la media nazionale sono il Trentino Alto Adige con 1003 autovetture per ogni autofficina e la Basilicata con sole 337. Il rapporto è complesso proporzionato, tenendo presente che l’Italia è storicamente uno dei paesi europei con il più alto tasso di motorizzazione

Secondo l’osservatorio, è una rete, quella degli autoriparatori e anche delle attività collaterali legate al mondo dell’assistenza auto (Centri revisione, stazioni di servizio, autolavaggi), che diventa sempre più tecnologica e che riesce a tenere il passo dei grandi cambiamenti che stanno coinvolgendo il mondo dell’automotive, attraverso formazione e strumentazione sempre più all’avanguardia.

Per maggiori informazioni
Po
categoria autoriparatori
francesco.po@lapam.eu
893111

 

 

 

Richiesta Informazioni

Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

Sei già associato a Lapam Confartigianato? *

Please wait...

News correlate

Share This