Torna all'elenco

Alla riscoperta della via Romea Imperiale

24 Marzo 2015

Un libro e una giornata di studio per conoscere una delle strade medievali più importanti per Modena.

Lapam di Modena si è fatta promotrice di un progetto di valorizzazione dell' antica Via Romea Imperiale che transita oggi come mille anni fa dalla città di Modena.
Romea Imperiale era una vera e propria strada di frontiera medievale, formata addirittura da tratti risalenti all' epoca romana, che costituì la via più breve ed efficace per collegare le città del Sacro Romano Impero al cuore germanico dell' Europa.
grazie al sostegno di Lapam e di 11 Comuni della provincia di Modena, il progetto di riscoperta e valorizzazione dell' antica Via Romea Imperiale culminerà poi con la pubblicazione di un libro edito da Settegiorni e curato dallo storico dell' Arte Iacopo Cassigoli e dall' architetto e ingegnere Gabriele Farinelli. «La nostra associazione – ha sottolineato Carlo Alberto Rossi, segretario generale diLapam – ha da sempre un ruolo di sostegno nei confronti di temi culturali e questo progetto ha la forza di valorizzare quelle che sono le radici del nostro territorio». Il passato rivive ancora oggi grazie alla presenza di castelli, pievi, abbazie e ponti attraverso i quali si snodava la Via Romea Imperiale. Nella provincia modenese la Via Romea Imperiale passava dal castello dei Pico a Mirandola, da Modena intersecando la Via Emilia oppure da Nonantola, precisamente per l' Abbazia, che ha da sempre rivestito un ruolo storico fondamentale, sin dall' età longobarda. Nonantola era considerata un crocevia di destinazioni importanti come la Via dell' Ambra, la Via del Sale o per Santiago de Compostela.
' autunno prossimo, il progetto di valorizzazione e riscoperta dell' antica Via Romea Imperiale culminerà con alcune giornate di presentazione del libro nei tre luoghi più significativi: San Benedetto Po, Nonantola e Pistoia.
tratterà di giornate di studio aperte a tutti. Sabato 14 novembre si svolgerà l' appuntamento dedicato alla storia del tratto stradale modenese presso l' Abbazia di Nonantola.
sottolineato dal Presidente generale di Lapam Erio Luigi Munari, «attraverso il sostegno a questo progetto, il nostro scopo è anche quello di mantenere viva un' economia dei nostri territori. La valorizzazione di questa importante via serve a mantenere e a garantire condizioni di transito per coloro che verranno».

Elisa Tirabassi. – Gazzetta di Modena

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    News correlate

    Share This