Torna all'elenco

Come leggere la bolletta e non farsi ingannare da offerte stranamente competitive

16 Giugno 2021

Come fidarsi delle offerte incredibilmente competitive dei tanti operatori del marcato libero?

Da quest’anno (2021) tutte le PMI devono rifornirsi nel mercato libero dell’energia elettrica e dal 2022 quest’obbligo scatterà anche per le utenze domestiche.
Questo ha fatto sì che negli ultimi mesi tanti operatori dell’energia proponessero contratti che dai numeri esposti possono sembrare incredibilmente vantaggiosi, ma come fidarsi? e sopratutto come non farsi ingannare da offerte stranamente competitive? Vediamo come leggere la bolletta, assieme ai nostri esperti.

Come leggere la bolletta di energia e gas

Facciamo una premessa, la bolletta viene rilasciata in forma elettronica oppure se esplicitamente richiesto dal cliente anche nella forma Bolletta 2.0.
La Bolletta 2.0 da un lato semplifica la lettura, dall’altro potrebbe lasciare spazio a speculazioni da parte di alcuni operatori dal fare aggressivo.
Vediamo il dettaglio dei costi in bolletta e su quali voci il fornitore può proporre dei ribassi:

  • Spesa per la materia energia o gas naturale
  • Spesa per il trasporto e la gestione del contatore
  • Spesa per oneri di sistema
  • Iva e accise

Spesa per la materia energia o gas naturale

In questa parte vengono riportate le voci della bolletta che vengono definite dal fornitore. La sezione è prevalentemente costituita dalle voci “prezzo dell’energia” o “prezzo del gas” applicato ai consumi. È su queste voci che si gioca la concorrenza tra i diversi fornitori.

Spesa per il trasporto e la gestione del contatore

I costi indicati in questa sezione sono relativi al trasporto dell’energia dalle centrali alle case e includono anche le spese per la lettura e la manutenzione dei contatori. Sono costi che pagano tutti, non possono essere variate dal fornitore con cui si ha un’utenza attiva, e variano in base ai consumi.

Spesa per oneri di sistema

Si tratta di una voce che copre tutte le spese che servono per mantenere in equilibrio il servizio elettrico o del gas. Rientra in questa categoria anche quanto pagato da ogni singolo consumatore per finanziare la produzione di energia da fonti rinnovabili. Anche questi, sono costi che pagano tutti, non possono essere variate dal fornitore.

Iva e accise

Sono le imposte che devono sempre essere indicate sulle fatture e non possono essere variate dal fornitore.

Attenzione

La Bolletta 2.0 non mostra in modo esplicito la tariffa dell’energia e gas effettivamente pagata, ma si limita a mostrare i dati di fornitura con le seguenti voci presenti in bolletta:

  • Costo medio unitario della bolletta
  • Costo medio unitario della spesa per la materia energia

È su questo aspetto che si concentrano le offerte “apparentemente vantaggiose” che alcuni operatori tendono a proporre.
I valori dei costi medi, non corrispondono al costo dell’energia e gas  effettivo.

Come valutare con precisione un’offerta?

Affidandosi a un consulente esperto come ad esempio i nostri consulenti Lapam che operano presso il CEnPI, il consorzio energia di Confartigianato, che in forma totalmente gratuita sapranno consigliarti e darti suggerimenti preziosi.

Compila il modulo a fondo pagina e sari contattato da un nostro consulente che saprà rispondere alle tue richieste e ti aiuterà ad orientarti nel mondo del mercato libero dell’energia, oppure puoi inviare una bolletta per una verifica.

CEnPI

PER LE IMPRESE

Puoi negoziare i prezzi di fornitura e ottenere sconti significativi sul prezzo dell’energia

CEnPI

PER I PRIVATI

Con la possibilità di estensione delle agevolazioni ai privati e alle abitazioni residenziali, il risparmio si moltiplica

    Contatta il consorzio CEnPI


    Compila il modulo per richiedere un preventivo o anche soltanto per avere informazioni più dettagliate, un nostro operatore ti risponderà al più presto
    Per ottenere la verifica della bolletta e scoprire se con CEnPI puoi risparmiare sui costi, avrai bisogno delle ultime due bollette


    Carica qui di seguito le tue ultime due bollette
    Puoi caricare file in formato PDF, JPG o PNG di dimensioni massime 5Mb
    Non caricare "fatture elettroniche"

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This