Torna all'elenco

Più disoccupati tra i giovani cresce il lavoro tra gli over 50

29 Novembre 2014

Più disoccupati tra i giovani cresce il lavoro tra gli over 50

Da una parte si segnala il calo dell'occupazione giovanile, dall’altra aumentano i 55 – 64enni che trovano lavoro. Un fenomeno che appare sempre più evidente negli ultimi anni secondo quanto risulta da un’analisi di Lapam che commenta con queste parole: «Le aziende cercano giovani, purtroppo non sempre li trovano». Anche a Modena il mercato del lavoro si è molto complicato e le imprese faticano ad assumere. Modena si trova di fronte a livelli di disoccupazione giovanile in aumento.

Gazzetta di Modena 1 dicembre 2014


In calo l’occupazione giovanile è caccia agli ultracinquantenni

Cala l'occupazione giovanile, mentre aumentano i 55-64enni che trovano lavoro. Un fenomeno sempre più vistoso negli ultimi anni stando all’analisi di Lapam che commenta: «Le aziende cercano giovani, purtroppo non sempre li trovano». In questi anni anche a Modena il mercato del lavoro si è molto complicato e radicalizzato e le imprese faticano ad assumere. Modena si trova di fronte a livelli di disoccupazione giovanile continuamente in aumento, che non trovano riscontro né nella storia recente di questi territori né nella vocazione delle piccole e medie imprese a formare i giovani lavoratori e imprenditori del futuro. L'analisi dell'Ufficio Studi Lapam Confartigianato su un campione rappresentativo di imprese associate monitorate semestralmente. Il campione evidenzia come, nel 2006 (il picco di occupazione giovanile nella fascia tra i 18 e i 25 anni in provincia) più del 20% del totale degli occupati era in questa fascia, mentre nel 2013 questa componente si era ridotta di oltre 6 punti percentuali, passando al 14%. A fronte di questo fenomeno se ne evidenzia uno di segno opposto, cioè l'aumento della quota di occupati tra i 56 e i 65 anni, che nello stesso periodo dal 5% arriva ora a sfiorare il 10%. Non è tutta colpa della crisi economica internazionale, che riguarda anche l'Unione Europea e l'Italia, spiega Lapam nella sua analisi; esistono evidentemente anche cause specifiche e normative italiane che hanno bloccato la circolarità generazionale e irrigidito conseguentemente il mercato del lavoro. Basti pensare allo shock previdenziale scaturito dalla Riforma Fornero che ha allungato l'età pensionabile. Su questo scenario, però, insistono anche altre variabili, tra cui la scelta degli indirizzi di studi e la disponibilità, anche quantitativa, di quelle figure di cui necessita il tessuto economico locale. Infatti sebbene manchi il lavoro, in provincia di Modena e anche a Reggio, ci sono molte professioni vacanti e imprese che hanno bisogno di personale e non riescono a trovarlo. E spesso lo trovano tra chi, a una certa età anagrafica, ha accumulato esperienza. Spiega Lapam: «I mercati chiedono ciò che serve e un giovane deve essere messo nelle condizioni per poter scegliere consapevolmente e ragionevolmente, anche in relazione alle esigenze delle imprese del territorio, che restano ancora rivolte eminentemente a ingegneri meccanici e tecnici di produzione, all'area informatica e a quella economico-finanziaria, con le lingue come competenza trasversale». «I giovani e le imprese possono e devono aiutarsi, specie in carenza di politiche adatte a rilanciare l'occupazione giovanile. È quindi importante valorizzare le capacità dei giovani incrociandole, sulla base di dati reali, con domanda e offerta». «Come associazione di categoria da anni lavoriamo per creare un efficace collegamento tra il mondo della scuola e il mondo delle imprese con numerose iniziative su tutta la provincia di Modena e Reggio Emilia, sempre a disposizione delle scuole, degli studenti e delle loro famiglie e, naturalmente, dei nostri imprenditori», conclude Lapam.

Gazzetta di Modena 1 dicembre 2014

Allegati

    Richiesta Informazioni

    Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto

    Informativa Privacy

    Dichiarare di aver preso atto dell'informativa sul trattamento dei dati personali selezionando la casella: "Acconsento al trattamento dei dati personali"

    Per inviare la richiesta, clicca su Invia e attendi il box verde di conferma.
    Riceverai inoltre un'email di riepilogo.

    News correlate

    Share This